Terremoto, raccolta fondi Confindustria-sindacati: dai lavoratori un’ora di salario , e altrettanto dalle aziende

26/8/2016 – Parte anche a Reggio Emilia la raccolta fondi per le popolazioni colpite dal terremoto promossa congiuntamente da Confindustria e sindacati. Lo annuncia il presidente di Unindustria Mauro Severi.

Esprimiamo il nostro profondo cordoglio e la nostra vicinanza a tutti gli abitanti, ai colleghi imprenditori e ai lavoratori che in queste ore stanno vivendo con grande coraggio un momento drammatico- dice Severi parteciperemo come Associazione alla raccolta fondi definita a livello nazionale da Confindustria insieme alle Organizzazioni sindacali, Cgil, CISL e UIL:  abbiamo inviato alle imprese associate una prima indicazione per attivarsi immediatamente.

Una mamma e il suo bambino ad Amatrice: hanno perso tutto (Ansas/Massimo Percossi)

Una mamma e il suo bambino ad Amatrice: hanno perso tutto (Ansas/Massimo Percossi)

I lavoratori possono destinare un’ora della propria retribuzione a questa finalità e i datori di lavoro sono invitati a versare un importo equivalente. Nei prossimi giorni verranno definiti gli aspetti operativi di dettaglio e fornite tutte le informazioni utili per consentire che i contributi affluiscano, quanto più rapidamente possibile, su un apposito conto corrente bancario.

Naturalmente potranno essere versate ulteriori somme che le imprese o i singoli ritenessero opportuno destinare a questa finalità.

La destinazione delle somme raccolte – conclude Severi – sarà decisa in ragione dell’ammontare dei contributi versati e delle necessità che verranno rappresentate dalle istituzioni locali”.

In aggiunta alla raccolta fondi Confindustria ha attivato presso la Direzione Generale di Roma un’Unità di coordinamento e ha avviato, con i colleghi dei territori interessati e delle categorie, ulteriori iniziative a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma sulle quali saranno fornite le necessarie informazioni nelle prossime ore.

“E’ inoltre stata avviata una cabina di regia a cui le associazioni territoriali possono comunicare le attività avviate – precisa via Toschi –  in modo da poter mettere le informazioni a fattor comune e fornire il massimo supporto in questi giorni drammatici”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *