Provincia in liquidazione, basta sceneggiate
Manghi se la prenda con il suo amico Delrio, con Renzi e il Pd

di Giuseppe Pagliani*

4/8/2016 – Nei giorni successivi all’approvazione del bilancio di esercizio della Provincia di Reggio Emilia abbiamo assistito a un piagnisteo del Presidente della provincia Giammaria Manghi.

E’ certo che l’ente è di fatto in liquidazione, Manghi però dovrebbe rivolgersi al suo amico Graziano Del Rio ed al suo Presidente del Consiglio Renzi, sono loro i colpevoli di aver realizzato un aborto istituzionale nella trasformazione della provincia in un ente di secondo grado, senza riuscire a dare senso compiuto a funzioni che sono ridotte e pongono alcuni servizi essenziali, vedi la manutenzione di 1000 km di strade, in gravissima deficienza. I tagli dello Stato sono attribuibili a scelte sbagliate che ci auguriamo vengano rigettate dal referendum sulla riforma costituzionale che si terrà in autunno.

Il ministro Delrio a Reggiolo

Il ministro Delrio a Reggiolo

Giusta la decisione di alienare l’ex Car e l’ex OPG: richieste che io iniziai a proporre come capogruppo del centrodestra già sette anni fa, ogni anno al voto sul bilancio di esercizio della provincia rinnovavo insieme ai colleghi consiglieri questa indicazione. Tutto accade con grande ritardo:  la decisione di alienare i beni sopra citati sarebbe dovuta avvenire poco dopo l’insediamento del nuovo consiglio in concomitanza alla scelta giusta di cassare l’ipotesi strampalata della ex presidente Masini di investire oltre 15 milioni per il salvataggio in esclusiva, come unico ente,  delle Fiere di Reggio.

Manghi ha dovuto celebrare il funerale delle società Matilde Srl e Montefalcone Srl. Questi ultimi rappresentano altri devastanti errori dell’amministrazione precedente guidata da Sonia Masini e Pierluigi Saccardi.

Daniela Santanché a Reggio tra Ginaluca Nicolini, Giuseppe Pagliani e Luca Vezzani

Giuseppe Pagliani accanto a Daniela Santanché

Ora ad uccidere definitivamente l’ente ci hanno pensato Renzi e Del Rio, entrambi capi corrente e referenti nazionali di Manghi, obbligano la Provincia di Reggio a restituire 28,7 milioni di Euro dopo i 21,8 milioni dello scorso anno. A questo dato allarmante si deve aggiungere la diminuzione delle entrate tributarie di circa 4 milioni di Euro provenienti da un calo dei ricavi derivante dalla diminuzione delle RC AUTO e delle imposte provinciali di trascrizione.

Le responsabilità, caro Manghi, riguardo alla devastazione dell’ente provincia è tutta del PD e di Del Rio e Renzi che hanno avviato una riforma senza senso e senza comprendere minimamente dove la stessa sarebbe potuta approdare come conseguenze per l’ente stesso e soprattutto per i malefici arrecati ai cittadini tutti.

A questo punto Manghi dovrebbe evitare inutili sceneggiate e lamentele essendo esso stesso insieme al suo partito causa della liquidazione dell’ente provincia.

*Capogruppo Terre Reggiane – Forza Italia

Giammaria Manghi sul palco di piazza Prampolini

Giammaria Manghi sul palco di piazza Prampolini

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *