Parcheggi, così l’amministrazione reggiana bastona chi ha bisogno del Pronto soccorso

Stalli parcheggio del centro onco ematologico

Parcheggi a pagamento nell’area del Santa Maria Nuova

di Giovanni Massa

13/8/2016 – In Italia, diversi comuni per fare “cassa”, hanno invaso gli ospedali destinando alcune aree a parcheggi a pagamento, e di questo fenomeno infelice, l’amministrazione di Reggio Emilia non ne è immune anzi, ha calcato la mano, facendo pagare il parcheggio anche a quell’anima gentile, che accompagna qualcuno “sfortunato”al pronto soccorso, così l’amministrazione dimostra di voler bene ed è molto “vicino” a chi per necessità usa quel posto.

Rimpinguare le casse comunali, non vuol dire “bastonare” cioè far pagare il parcheggio a quei cittadini che si recano per necessità al pronto soccorso, perché quando uno va in un simile posto, per accompagnare un famigliare,un amico o un conoscente, non può pensare in quel momento se ha la moneta o la carta di credito oppure il bancomat, altrimenti si potrebbe trovare la “sorpresa” di una contravvenzione stradale,0 e questo è un insulto verso il cittadino, una cosa ignobile, e anche un comportamento dell’amministrazione, anche un po’ cinico.

Parcheggi davanti al nuovo Core

Parcheggi davanti al nuovo Core

Fortunatamente l’amministrazione, si è accorta di aver commesso un errore, e in occasione della modifica, della viabilità interna all’ospedale, ha “ eliminato ” quell’obbrobrio riducendo però i parcheggi esistenti e allontanando notevolmente il luogo di sosta, spostando i parcheggi a pagamento vicino al CO.RE, di recente inaugurazione.

Quindi, uno che accompagna una persona al pronto soccorso si dovrà fare 400 mt circa a piedi e poi stare vicino all’ammalato o all’infortunato.

L’amministrazione, avendo capito l’errore commesso dovrebbe, a mio avviso, risarcire tutti coloro, che hanno parcheggiato a pagamento al Pronto Soccorso, negli ultimi due anni circa infatti, quest’ultimi, non si sono recati lì, per ammirare una vetrina alla moda o per fare shopping oppure per una vacanza ma, per BISOGNO.

Ma il Comune, ha replicato all’errore commesso in precedenza, lasciando a pagamento i parcheggi di fronte al CO.RE, per dipendenti che si recano al lavoro e ai famigliari, che vanno in quel posto, per fare visita ad un parente che avrà, sicuramente, un problema più grosso.

Se, chi è preposto, dimostrasse la volontà di voler affrontare il problema e risolverlo alla radice, potrebbe “razionalizzare” meglio le spese di bilancio e sopperire con l’incasso dei parcheggi a pagamento installati in zona ospedale, magari ritoccando altre tariffe o “sperperando meno risorse in cose inutili per il cittadino facendole passare per URGENTI e necessarie una per tutte – il conta biciclette, spesi circa 30.000,00 euro e così via. Scelte programmatiche dell’amministrazione, che non si discutono anche se uno non è d’accordo ma, che sicuramente non vanno incontro alla gente.

Nel bilancio complessivo comunale di circa 240 milioni l’anno, il parking zona arcispedale, incide per lo 0,003 % circa quindi, si potrebbero trovare facilmente le risorse mancanti, nell’alveare del bilancio comunale, se i nostri amministratori, lo volessero.

L’aver provveduto, di recente, a sostituire le colonnine del parcheggio a pagamento fuori dall’Arcispedale, con l’inserimento del numero di targa, per diminuire drasticamente il fenomeno dei parcheggiatori abusivi, è miseramente fallito.

Ho il sospetto invece, che sia stato fatto solamente per fare in modo che il “parcheggiatore abusivo” non ti dia più il biglietto, così il comune guadagna di più, con la personalizzazione della targa dell’autovettura.

Se,lasciassero “libero”, e non a pagamento, tutto il parcheggio,forse il “parcheggiatore abusivo” che infastidisce migliaia di persone al giorno, che si recano in quel posto a fare visita ad un ammalato, o per cure personali oppure per donare il sangue, credo che si AUTOELIMINEREBBE.

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Parcheggi, così l’amministrazione reggiana bastona chi ha bisogno del Pronto soccorso

  1. Paolo Rispondi

    18/08/2016 alle 13:55

    Peccato che le entrate vadano all’ospedale e non al comune e che prima del pagamento nessuno trovasse posto.

  2. rosanna Rispondi

    18/08/2016 alle 23:03

    Questo è un obbrobrio, già tempo fa mi espressi in merito a questo argomento in un commento sulla pagina fb del comune di Reggio,perchè per cure chemioterapiche parcheggiai e dimenticai di mettere il tagliando per il pagamento e all’uscita della terapia trovai una bella multa.Ribadisco di nuovo che i parcheggi dell’ ospedale dovrebbero essere gratuiti, non si può speculare sulle sofferenze delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *