Il collante dell’antifascismo per tenere insieme il Pd
Via a Festareggio con 50 anni di Bella Ciao

17/8/2016 – Da giovedì è di nuovo Festareggio. Per 22 serate, dal 18 agosto all’11 settembre, al Campovolo torna la festa del Pd: una classicissima di fine estate a Reggio Emilia.

 il Pd, sempre più arroccato diviso al proprio interno (sul referendum la spaccatura potrebbe diventare insanabile) si àncora più che mai ai valori della Resistenza e dell’antifascismo come unico collante che al momento riesce a tenere insieme il popolo democrat.

Non a caso l’inaugurazione di Festareggio è affidata allo spettacolo 50 anni di Bella Ciao: la riedizione del memorabile spettacolo che, nato nel gruppo del Nuovo Canzoniere Italiano, nel 1964 gettò le basi del folk revival italiano. “Bella ciao” è stato riallestito da un insieme di istituzioni, enti culturali, musicisti, intellettuali e ricercatori attivi nell’area milanese, in accordo con  l’Istituto Ernesto de Martino e con gli autori dello spettacolo (Roberto Leydi e Filippo Crivelli) e i loro eredi, che di Bella Ciao sono i titolari.

bellaciao nel 1964

E’ concerto a più voci che vede protagonisti Lucilla Galeazzi (voce), Elena Ledda (voce), Ginevra di Marco (voce), Alessio Lega (voce, chitarra), Andrea Salvadori (chitarra, tzouras e armonium), Gigi Biolcati (percussioni, voce) e Riccardo Tesi (organetto). Un revival del folk italiano che andrà in scena alle 20.30 in Piazza Grande, riallestito 50 anni dopo con un cast formidabile, sotto la direzione artistica di Franco Fabbri e la direzione musicale di Riccardo Tesi.

"Bella Ciao" oggi

“Bella Ciao” oggi

Al termine, l’atteso appuntamento dei Fuochi danzanti, a partire dalle 22,15, con le  magiche coreografie pirotecniche a cura di Pyroitaly.

Nella Piazzetta delle Idee alle 19.30 presentazione del libro “Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più” di Giacomo Mazzariol. Insieme all’autore, intervengono Aurora Stagnini, membro dell’esecutivo GD di Reggio Emilia, ed Emilia Garuti, scrittrice e responsabile Terzo settore del PD Emilia Romagna. L’incontro è organizzato in collaborazione con i Giovani Democratici di Reggio Emilia.

Alle 21 la politologa Nadia Urbinati e David Ragazzoni presentano il libro “La vera seconda Repubblica. L’ideologia e la macchina”, un excursus storico nelle tante crisi che hanno afflitto il sistema politico italiano. Coordina l’incontro Massimiliano Panarari.

 

 

 

Be Sociable, Share!

3 risposte a Il collante dell’antifascismo per tenere insieme il Pd
Via a Festareggio con 50 anni di Bella Ciao

  1. Fausto Poli Rispondi

    19/08/2016 alle 20:54

    Il collante per il PD ? Non esiste perche’ non esiste nulla da incollare.

  2. Fausto Poli Rispondi

    19/08/2016 alle 20:58

    iL PD ? Si fa tremendamente compatire dai cittadini Reggiani e limitrofi. Se mi date dei commenti positivi sul PD. Io, parlando con conoscenti, ascolto solo critiche, ma pesanti, sull’organizzazione del PD. Ecco, quei commenti si dovrebbe srivere sui rotocalchi quotidiani.

    Tra l’altro 2 mesi fa ero nel Piacentino, e a un lettore al bar, intento a sorseggiare un caffe’, ho cheisto di Bersani: non Vi scrivo gli improperi su quell’uomo di politica, nato a Bettola.

    E sui quotidiani, su IF, in TV, sembrano dei divi di Hollyvood, invece sono solo dei burattini, alla Razzi. Che pena.Che vergogna. Nessuno che ci rappresentid egnamente. E poi adesso vogliono la cannabis libera. Che vergogna.

  3. Fausto Poli Rispondi

    19/08/2016 alle 21:00

    Quello che possono fare, i mittici compagni ? Tappezzare Reggio di manifesti della festa del PD, fare 200 ore di diretta dal campo volo ad inquadrare il vuoto, come del resto sono le idee del PD.

    Poi main guest della festa ? Vinicio Capossela………………… boo, era meglio forse titti bianchi. Cantava meglio. Che pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *