Gli ultras Stella Rossa fanno paura
Reggio blindata contro il tifo violento

16/8/2016 – Città blindata, strade chiuse al traffico, direzioni obbligate, 180 agenti della Municipale mobilitati per tutto il giorno.

Queste le misure decise dall’amministrazione comunale di Reggio Emilia per l’arrivo degli ultras della Stella Rossa di Belgrado, giovedì 18 agosto, in occasione della partita di Champions League Sassuolo Stella Rossa al Maepi Stadium. La tifoseria dei “delije” è considerata la più violenta d’Europa, e dovunque arriva lascia il segno. Per questo la presidente di Confcommercio Donatella Prampolini ha consigliato  caldamente ai negozianti di sprangare le saracinesche per tutto il giorno (al pomeriggio di giovedì, del resto, gli esercizi sarebbero chiusi comunque) . 

Un gruppo degli ultra Stella rossa a Verona

Un gruppo degli ultra Stella rossa a Verona

Il complesso delle misure di prevenzione, vigilanza e di “accoglienza dei tifosi ospiti” sarà messo a punto nel nuovo Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico convocato in Prefettura per domattina. Il comune intanto ha diffuso il dettaglio delle modifiche alla circolazione: una rivoluzione per il traffico e per le vie d’accesso al centro di eggio Emilia.

Ecco di seguito il comunicato diramato oggi dal Comune

“I provvedimenti atti a garantire la sicurezza dei cittadini e favorire un corretto afflusso dei tifosi ospiti, avranno inizio tre ore prima del match (quindi alle 17.45) e si protrarranno fino al completo deflusso dei supporter serbi. Oltre 180 agenti di Polizia municipale, in servizio dal mattino, regoleranno il flusso della normale viabilità cercando di agevolare, nei limiti del possibile, le esigenze dei cittadini.

Nel pomeriggio di giovedì 18 agosto saranno interrotte al traffico via Ruini, via Gramsci nel tratto tra via Filangeri e viale Regina Margherita, via del Chionso (tra via Gramsci e via Saragat), via Taddei, via Petrella (dall’intersezione con via Cavallotti) e via delle Ortolane. Viene anche interrotto il transito ciclopedonale tra piazzale del Grosso e piazzale Lari.

La viabilità potrà comunque subire alcune modifiche in corso d’opera a seconda delle esigenze di servizio che si dovessero manifestare durante la giornata.

Sempre per la giornata di giovedì dalle ore 7 alle ore 24, all’interno del quadrilatero di vie che circonda lo stadio Mapei, entrerà in vigore il divieto di sosta per qualsiasi vettura. In particolare dopo l’inizio del divieto tutti i mezzi in sosta sulle seguenti vie saranno rimossi: via e piazzale Romano, piazzale Lari, piazzale Battelli (nel tratto a ridosso dello stadio reggiano), via Duo, piazzale Atleti azzurri d’Italia, piazzale del Grosso.

Una coreografia minacciosa degli ultras della Stella Rossa

Una coreografia minacciosa degli ultras della Stella Rossa

In alcuni tratti di strada la direzione di marcia dovrà seguire gli obblighi temporanei istituiti per favorire la viabilità.

In sintesi: i veicoli provenienti da via Mozart dovranno svoltare a sinistra verso via Saragat; per chi viene da piazzale Atleti azzurri d’Italia e piazzale del Grosso (all’intersezione tra via Taddei e via Duo) è istituita la direzione obbligatoria a destra su via Duo, verso via Gramsci; chi si trova a percorrere via Duo dovrà svoltare a sinistra verso viale Regina Margherita; infine il traffico su via Romano e via Tegani sarà incanalato rispettivamente su via Ruini e verso la rotonda Green”.

Per garantire il pattugliamento e la regolazione del traffico sulle strade reggiane gli uffici di via Brigata Reggio 28 della Polizia municipale rimarranno chiusi al pubblico per la giornata di giovedì 18 e la mattinata di venerdì 19 agosto. Il regolare accesso dei cittadini sarà garantito dalle 13.30 di venerdì 19 agosto.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    16/08/2016 alle 19:22

    D’altronde, chi non risica, non rosica.
    Il Sassuolo calcio gioca a Reggio, e visto che e’ arrivata in alto, dovra’ giocare con squadre di alto livello. Se andra’ avanti, magara arriveranno tifosi piu’ inferociti…..

    Se non c’era il Sassuolo lo stadio Giglio sarebbe ancora pieno di debiti. Pero’ credo che si dovrebbe dare piu’ risalto alle questioni della malavita organizzata a Reggio Emilia, che da 30 anni e’ insieme al paritto di maggioranza, tutt’uno. Quella e’ la vera “emergenza permanente”, che i quotidiani fanno passare spesso in sordina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *