La fonderia di precisione Gft di Mancasale in concordato preventivo

22/8/2016 – Le fonderie GFT di Mancasale, con sede in  via Raffaello Sanzio 1 nel quartiere industriale di Reggio Emilia,  hanno chiesto e ottenuto il concordato preventivo “con riserva”. La domanda alla sezione fallimentare del Tribunale è stata depositata il 29 luglio 2016.

Il giudice delegato Luciano Varotti, con decreto 11/8/2016 ha concesso il termine di sessanta giorni, soggetto a sospensione feriale, per il deposito in cancelleria della proposta concordataria del piano e della documentazione di legge. Ha nominato commissario giudiziale l’avvocato Stefania Iotti, con studio in via Borsellino 2 a Reggio Emilia.

Reparto della fonderia Gft di Mancasale

Reparto della fonderia Gft di Mancasale

La fonderia di precisione GFT è nome d’elite nel settore metallurgico italiano.  Specializzata in fusioni di alluminio per il  settore motoristico, è tra le poche fonderie di Reggio Emilia che privilegiano la fusione in conchiglia.  Aveva appena ottenuto il 22 luglio da Arpae (agenzia ambientale Emilia-Romagna)  l’autorizzazione ambientale per l’attività di taglio di materozze (serbatoi di metallo liquido) in alluminio.

I prodotti Gft sono destinati per il 70% al settore moto. I dipendenti sono un centinaio, di cui una ventina impiegati e 80 tra operai e tecnici ad elevata specializzazione. Altri cento posti di lavoro di imprese dell’indotto dipendono dagli ordini della Gft. Il concordato si spiega con una crisi di tipo finanziario.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *