Coltello in faccia a moglie e nuora
Arrestato marito-padrone

12/8/2016 – Per anni ha perseguitato la moglie con minacce e offese di ogni tipo. Lei aveva sempre sopportato soggiogata dalla paura, e anche per la vergogna. Ma l’altra mattina, quando il marito è arrivato a minacciarla di morte con un coltello lungo 22 centimetri, è scappata di casa insieme alla nuora per rifugiarsi dai carabinieri di Gattatico, dove tra le lacrime ha raccontato il suo calvario. La nuora, anche lei affranta, è svenuta in caserma.

Così i militari hanno arrestato il marito violento, un pensionato di 57 anni, per minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia. Questa mattina l’uomo è comparso davanti al tribunale di Reggio Emilia: dopo la convalida del fermo   è stato rimesso in libertà con la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare. Il processo sarà celebrato il 12 ottobre.

 Quando sono intervenuti i carabinieri, l’uomo barricato in casa ha continuato a lanciare minacce di morte all’indirizzo di  moglie e nuora che, fortunatamente, erano riuscite ad allontanarsi. Dopo averlo portato alla calma, i militari sono riusciti a farsi aprire la porta di casa e a sequestrare il coltello usato per minacciare, un’arma lunga 22 centimetri di cui 13 di lama.  

La moglie ha raccontato che da anni veniva maltrattata con offese di ogni tipo e minacce molto pesanti. Ogni pretesto era buono per aggredirla ridotta a vivere in una condizione di sudditanza psicologica nei confronti del marito. Negli ultimi mesi era apparso particolarmente agitato per cui la donna nel timore che potesse accadere qualcosa al figlio minore,  alla notte dormiva col ragazzo, chiudendo  a chiave la porta della camera da letto.

L’altra mattina, viste le condizioni del marito, aveva mandato il figlio a casa di parenti: la decisione ha mandato su tutte le furie il pensionato, che coltello alla mano a cominciato a minacciare la moglie e la nuora intervenuta in difesa della suocera. Da qui la fuga e infine l’arresto del marito violento.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *