Corteo, saluti fascisti e bandiera rossa
I “delije” della Stella Rossa tenuti a bada dalla polizia: il centro di Reggio lastricato di bottiglie di birra

19/8/2018 – Il Sassuolo ha battuto la Stella Rossa di Belgrado 3-0 nell’andata dei playoff di Europa League,  al Mapei Stadium di Reggio Emilia, di fronte a quasi settemila spettatori, di cui oltre mille provenienti dalla Serbia.

Il tabellino

Sassuolo (4-3-3): Consigli 6, Gazzola 7, Cannavaro 7, Acerbi 6.5, Peluso 6; Duncan 6, Magnanelli 7, Biondini 7; Berardi 7 (24′ st Falcinelli 6), Defrel 6 (dal 32′ st Trotta s.v.), Politano 7.5 (39′ st Sensi sv) (Pegolo, Antei, Mazziteli, Letschert). All.: Di Francesco 7.5

Stella Rossa Belgrado (4-2-3-1): Kahriman 5.5, Cvetkovic 5.5 Le Tallec 5, Phibel 5.5, Ristic 5.5; Poletanovic 5.5, Donald 6; Mouche 5 (25′ st Srnic sv) Katai 6, Ruiz 5,5 (12′ st. Plavsic 5.5); Vieira 5 (39′ st Sikimic sv) (Supic, Petkovic, Lukovic, Rendulic). All.: Bozovic 5

Arbitro: Gozubuyuk (Ola) 6.5

Reti:  17′ Berardi, 41′ Politano; nel st 24′ Defrel

Angoli: 6 a 4 per la Stella Rossa

Recupero: 1′ e 3′

Ammoniti: Cvetkovic, Cannavaro, Plavsic per gioco scorretto.

Spettatori 6 mila 861, incasso 92 mila 434 euro

I GOL

– 17′ pt: su tiro di Politano il pallone rimbalza sui due pali e torna in area, dove Berardi è pronto a deviarlo in rete.

– 41′ pt: Politano raccoglie in area un assist di Berardi e raddoppia battendo Kahriman all’angolino basso di sinistra.

– 24′ st: Falcinelli imbocca in area Defrel che di prima infila ancora la porta.

 

18/8/2016 – In fondo i feroci “delije”, gli ultras della Stella Rossa di Belgrado, non se la sono sentita di deludere i vetero leninisti di casa nostra. Verso sera si sono mossi in corteo da piazza Martiri del 7 luglio, nel centro di Reggio Emilia,  con una singolare fusion fascio-comunista: saluti fascisti, grida di “viva Mussolini” (il loro omaggio all’Italia) e cori a squarciagola di Bandiera Rossa, a riprova che le radici lontane, anzi lontanissime, sono comuni.

Gli ultras Stella Rossa in corteo in via Nobili

Gli ultras Stella Rossa in corteo in via Nobili (ph. Paolo Pergolizzi/Reggiosera.it)

Oltre 500 tifosi organizzati della Stella Rossa, gli ultras più violenti d’Europa, si sono mossi dal centro di Reggio Emilia in corteo, controllato davanti, dietro e ai lati da uno schieramento  in tenuta antisommossa, per raggiungere il Mapei Stadium dove alle 20,45 è cominciata la partita di Europa League Sassuolo-Stella Rossa. Gli ospiti serbi hanno disertato il centro ritrovo allestito nell’area delle fiere e si sono dati appuntamento nel entrodi Reggio. Tuttavia già dalle 13 piazza gli accessi a  piazza Prampolini erano bloccati dai camion Iren di raccolta rifiuti, disposti in punti strategici, e agli ospiti non è rimasto altro che accogliere l’invito delle forze dell’ordine, con la mediazione dei reparti di polizia serbi inviati per l’occasione a Reggio, per concentrarsi tra piazza Martiri, davanti al Valli e il parco del Popolo.

I camion del rusco bòloccano gli accessi a piazza Prampolini (dalla pagina fb di Pietro Negroni)

I camion del rusco bòloccano gli accessi a piazza Prampolini (dalla pagina fb di Pietro Negroni)

In piazza a comandare lo schieramento di sicurezza c’era il Questore Isabella Fusiello, con al fianco il console della Serbia, presente anche il vicesindaco Matteo Sassi.  Davanti alla chiesa di San Francesco erano pronti i pullman per portare i tifosi direttamente allo stadio, ma i delije hanno rifiutato e, schierati in corteo e a torso nudo, si sono avviati a piedi verso il Mapei Stadium tra slogan, cori (qualcuno avrà versato una lacrimuccia sentendo Bandiera Rossa, non prima però di aver sacramentato per i saluti a braccio teso) e una nuvola di fumogeni. Di loro in centro è rimasta una colossale quantità di cocci di bottiglie di birra, in barba all’ordinanza anti-alcol , e a conferma che le grida manzoniane sono inutili e a volte ridicole.

Un camion di Iren messo di traverso a bloccare uno degli accessi a piazza Prampolini (ph. Pietro Negroni)

Un camion di Iren messo di traverso a bloccare uno degli accessi a piazza Prampolini (ph. Pietro Negroni)

Tuttavia non è finita. Si attendono con un certo timore la fine della partita e le ore della notte. Al Campovolo è la serata inaugurale della festa del Pd, con le canzoni di Bella Ciao e i fuochi artificiali danzanti.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *