Servizio civile, boom di domande: il triplo dei posti disponibili

23/7/2016

Sono state ben 624 – a fronte di 223 posti disponibili presso enti della nostra provincia – le risposte dei giovani reggiani al Bando ordinario pubblicato dal Dipartimento nazionale della Gioventù e del Servizio civile per selezionare ragazzi di età compresa tra i 18 e i 28 anni da impiegare in progetti in Italia e all’estero.

“Davvero un ottimo riscontro di gradimento per i progetti di volontariato proposti dagli enti e dalle associazioni aderenti al Copresc reggiano – commenta la consigliera provinciale, con delega di vicepresidente,  Ilenia Malavasi – Questi numeri descrivono una popolazione giovanile attenta, desiderosa di impegnarsi in progetti con una forte valenza sociale, educativa e culturale. Ne emerge un quadro positivo, un esercito di 624 giovani che decidono di dedicare una anno della loro vita al loro territorio, come straordinaria opportunità formativa, personale, umana e professionale e di crescita civile. E che rappresentano una preziosa risorsa della società, portatori di quei valori di pace e solidarietà che stanno alla base del Servizio civile”.

Diciamo anche che molti giovani, pur di non restare inattivi, provano la “lotteria” del servizio civile.

Tranne pochi casi, praticamente per tutti i circa 60 progetti  gli enti dovranno ora procedere alle selezioni e alla pubblicazione delle graduatorie.

Il maggior numero di candidature ha riguardato progetti di animazione culturale verso i giovani: ben 70 per i 21 posti previsti da ProDiGio,  mentre altri 56 giovani si sono offerti per i 12 posti disponibili presso il Comune di Reggio Emilia. Molto richiesti anche i progetti degli altri Comuni: a Scandiano 32 domande per i 6 posti ai centri di aggregazione, 31 a Cavriago per i 4 posti al Multiplo, 45 a Correggio per i 9 sul patrimonio librario, archivistico e sul tutoraggio scolastico.

Dieci le candidature per i 2 posti disponibili al Coordinamento provinciale delle associazioni di volontariato di Protezione civile per la colonna mobile e 18 i giovani interessati ai 5 posti presso Legambiente-Arci.

Buone, infine, anche le risposte ai progetti di Reggio Terzo Mondo per “caschi bianchi” da inviare all’estero: in 10 hanno fatto richiesta per i 4 posti previsti in Madagascar in ambito sanitario, in 6 per i 4 equamente divisi tra Albania e Kosovo su diritti umani e sicurezza alimentare.

I progetti di Servizio civile nazionale hanno una durata di 12 mesi e prevedono un assegno mensile pagato da risorse statali di 433,80 euro. Per il servizio svolto all’estero sono previsti anche una indennità di 15 euro giornalieri e un contributo per il vitto e l’alloggio di ulteriori 20 euro giornalieri per tutto il periodo di effettiva permanenza all’estero, oltre ovviamente al rimborso delle spese del viaggio di andata e ritorno dall’Italia (ed un eventuale rientro, se previsto dal progetto approvato).

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. ernesto fusari Rispondi

    04/12/2016 alle 08:30

    sarebbe meglio dare ai giovani italiani 35 euro al giorno per ogni figlio che mettono al mondo ,invece di dare una elemosina per fare praticamente nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *