Scandiano: ragazzo ubriaco minaccia il padre, cerca di bastonare i Carabinieri e sfascia quello che gli capita a tiro.

18/7/2016 – Dopo aver esagerato con l’alcool, non è stato più in grado di controllarsi: ha minacciato con un bastone il padre, ha colpito tutto quello che gli capitava a tiro, e infine ha tentato di colpire uno dei Carabinieri intervenuti sul posto e chealla fine lo hanno arrestato.

Attorno alle 3 della notte di domenica, 7 luglio,  una pattuglia dei Carabinieri di Casalgrande è stata allertata dalla Centrale Operativa di Reggio per un intervento, a Scandiano, a causa di una lite familiare. Appena giunti sul posto i militari dell’Arma, prima ancora di rendersi conto di quanto stesse accedendo, sono stati aggrediti da una giovane che, armato di un manico di vanga  ha tentato di colpire uno dei due con violenza alla test . Solo la prontezza di riflessi del militare ha potuto evitare conseguenze ben più gravi. Il Carabiniere è riuscito a proteggersi con il braccio limitando i danni ad una contusione all’avambraccio, successivamente giudicata guaribile, dai medici del Pronto Soccorso di Scandiano, in pochi giorni.

Il ragazzo, dopo aver trascorso la serata in compagnia di familiari ed amici durante la quale aveva esagerato con gli alcoolici, rientrato in casa è stato affrontato dal padre che lo ha rimproverato per il suo comportamento. A tale accuse il giovane, evidentemente poco lucido, ha reagito con una violenza inaudita. Armatosi del bastone ha iniziato a brandirlo contro il genitore e a colpire la porta del garage e quant’altro capitava a tiro.

I Carabinieri, dopo essere riusciti a immobilizzare l’ubriaco,  hanno accompagnato il giovane in ospedale per i necessari accertamenti alcolemici e tossicologici,  e poi in caserma ove, ultimate le formalità, è strato tratto in arresto per i reati di lesioni, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e ricondotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo previsto per questa mattina.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *