Sant’Ilario-Campegine-Gattatico: il 16 ottobre referendum popolare per il nuovo comune e il nome
Una scelta mediocre fra Campidenza, Pianure Matildiche e Tannetum

22/7/2016 – Si voterà domenica 16 ottobre 2016 dalle ore 7 alle ore 23 a Campegine, Gattatico e Sant’Ilario d’Enza per la fusione dei tre comuni.

Dopo il via libera dell’Assemblea Legislativa, il governatore  Stefano Bonaccini  ha firmato i decreti che fissano la data dei sei referendum consultivi nei sedici comuni nei 16 Comuni dell’Emilia-Romagna che hanno avviato l’iter per la fusione al fine di dar vita a nuovi Comuni unici: uno nella città metropolitana di Bologna e 5 nelle province di Rimini, Ferrara, Reggio Emilia e Piacenza.

Oltre a Sant’Ilario d’Enza, campegine e Gattatico in provincia di Reggio Emilia, gli altri  Comuni interessati sono Mondaino, Montegridolfo e Saludecio nel riminese; Borgo Tossignano, Casalfiumanese e Fontanelice nel bolognese; Mirabello e Sant’Agostino nel ferrarese; Bettola, Farini e Ferriere, da un lato, e Ponte dell’Olio e Vigolzone, dall’altro, in provincia di Piacenza.

Agli elettori, oltre 60 mila quelli interessati, saranno sottoposti due quesiti: uno relativo all’istituzione del nuovo Comune unico mediante fusione di quelli preesistenti, l’altro per scegliere il nome del nuovo Ente tra una rosa di nomi individuati dalle amministrazioni comunali.

I cittadini di Sant’Ilario, Campegine e Gattatico non avranno una gran scelta: solo tre opzioni fra Campidenza (acronimo artificioso tra Campegine e val D’Enza) Pianure Matildiche (ma lo stesso nome potrebbe rivendicarlo, ad esempio,  Reggiolo) e Tannetum, nome romano della città scomparsa di Taneto, oggi frazione di Gattatico. Forse il nome è più attinente alle radici storiche di questa terra, anche se sarebbe il primo caso di un antico nome latino riesumato per un nuovo comune italiano.

Invece gli  elettori di Mondaino, Montegridolfo e Saludecio potranno scegliere tra bento opzioni: Castelli Malatestiani; Cinquecastelli; Valtavollo; Treterre; Alto Tavollo; Sant’Amato; Trecastelli di Romagna; Terre Malatestiane;

gli elettori di Borgo Tossignano, Casalfiumanese e Fontanelice potranno optare tra Santerno, Valsanterno, Terre del Santerno e Borghi del Santerno; gli elettori di Mirabello e Sant’Agostino potranno indicare una preferenza tra Reno, Terre del Reno e Reno Antico;

Infine, nel piacentino le opzioni sono Alta Val Nure, Alta Valle del Nure, Terre dell’Alta Val Nure, I tre Borghi dell’Alta Val Nure, per Bettola, Farini e Ferriere; Colli del Nure, Colli Valnure, Castelli Valnure e Pontevigo per Ponte dell’Olio e Vigolzone.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *