Nuovo comandante dei Carabinieri nella Brescello infestata dal clan: arriva dalla Calabria, e conosce bene i suoi polli

12/7/2016 – Dopo lo scioglimento del Consiglio comunale e i numerosi fascicoli (tardivi) aperti dalla magistratura sull’inquinamento dell’amministrazione locale da parte della ndrangheta, a Brescello arriva anche un nuovo maresciallo dei Carabinieri.

E’ stato scelto un comandante che arriva dalla Calabria, dove ha lavorato a lungo nel Nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Calabria. Uno, insomma, che conosce i suoi polli: quello che ci vuole per il paese di Peppone e don Camillo, infestato dal clan Grande Aracri e apparentati.

Il maresciallo aiutante Antonio Orfei

Il maresciallo aiutante Antonio Orfei

Il  Maresciallo Aiutante Antonio Orfei, 48 anni, si è insediato domenica a  Brescello, prendendo il testimone dal Maresciallo Gaetano Saggio, che sino a ieri ha comandato la stazione in sede vacante.

Il Maresciallo Aiutante Antonio ORFEI,  originario della provincia dell’Aquila, vanta un vasto bagaglio professionale grazie all’esperienza maturata in oltre 20 anni di servizio attivo nell’Arma dei carabinieri prevalentemente svolto in Calabria. Sposato con due figli, Orfei proviene dalla Stazione di Careri  che comandava dal 2011. In precedenza aveva svolto tanti anni di servizio alle dipendenze del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Reggio Calabria.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *