Accoltellata sotto casa davanti alla figlioletta di otto anni. In fin di vita infermiera del S. Maria Nuova
Caccia all’aggressore: è un uomo conosciuto dalla vittima?

1/7/2016 – L’ha accoltellata alle spalle: due fendenti ai fianchi, che le hanno provocato un’emorragia polmonare di vaste proporzione. La donna, Isas Dallasta di 52 anni, dipendente del Santa Maria Nuova è in fin di vita in Rianimazione. L’aggressore è fuggito, ed è attivamente ricercato da questa mattina.

Un episodio terrificante, quello avvenuto intorno alla 11 in via Firenze nel quartiere residenziale di  Canali, che ha sconvolto Reggio Emilia. La vittima, madre di tre figli, di professione operatrice socio sanitaria all’Arcispedale, era con la bambina di otto anni. Da qualche giorno la famiglia aveva deciso di trasferirsi da Rivalta in una palazzina di via Firenze al civico 2, e lei stava completando di sistemare la nuova abitazione. Intorno alle 11 è uscita con la figlioletta, ma appena arrivata in strada è stata aggredita alle spalle da un uomo che l’ha colpita implacabile con le due coltellate per ucciderla, ed è fuggito.

L'accoltellamento di via Firenze: i rilievi sul luogo dell'aggressione

L’accoltellamento di
via Firenze: i rilievi sul luogo dell’aggressione

Ines Dallasta si è accasciata in una pozza di sangue sotto gli occhi della bambina disperata. E’ subito arrivata una vicina di casa che ha chiamato il 118. Portata d’urgenza al Santa Maria Nuova, la donna è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico per ridurre l’emorragia, ma la sue condizioni restano gravissime e la prognosi è riservata.

L’identità dell’aggressore, ricercato nel reggiano e anche nelle province limitrofe, non è stata resa nota, ma non è uno sconosciuto: a margine di una conferenza stampa tenuta oggi a palazzo del Governo, il prefetto Raffaele Ruberto ha accennato a motivi personali alla base dell’accoltellamento. E’evidente perciò che le forze dell’ordine stanno cercando una persona ben precisa, ben conosciuta dalla vittima.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *