Ispezione sulla Reggio-Ciano: entro il 2016 nuovo sistema di sicurezza e più informazioni ai viaggiatori
La visita dell’assessore Donini all’indomani del sabotaggio di Barco

L'assessore regionale Donini egli altri amministatori locali in gita ispettiva sul treno Reggio-Ciano

L’assessore regionale Donini egli altri amministatori locali in gita ispettiva sul treno Reggio-Ciano

26/7/2016 – Entro l’anno la linea ferroviaria Reggio-Ciano  diventerà più sicura e più vicina ai suoi utenti. Nel corso di un’ispezione ordinaria sulle tratte regionali, l’assessore ai trasporti Raffaele Donini ha annunciato l’impegno della Regione e di Fer per dotare la linea entro il 2016 del sistema di sicurezza Scmt (Sistema controllo marcia treno) e migliorare l’informazione all’utenza sulle condizioni della circolazione ferroviaria.

Al sopralluogo erano presenti Paolo Colli, sindaco di Montecchio e presidente dei comuni della Val D’Enza, Andrea Carletti sindaco di Bibbiano, Paolo Burani sindaco di Cavriago, Paola Tognoni vicesindaco di Bibbiano, Loredana Biani vicesindaco di Canossa, Edmondo Grasselli vicesindaco di San Polo d’Enza, Michele Vernaci amministratore unico agenzia mobilità Reggio Emilia, oltre a personale ispettivo.

 

Praticamente una gita a sbafo, per dirla amichevolmente – come si capisce dai volti sorridenti della foto ricordo –  da parte di persone che difficilmente usano il treno. Ma è meglio tardi che mai. La questione della sicurezza della Reggio-Ciano è venuta alla ribalda all’indomani dello scontro ferroviario di Andria: anche sulla ferrovia della Val d’Enza (la prima ad essere costruita dagli enti locali e da un consorzio cooperative, più di un secolo fa) è ancora in vigore il “blocco telefonico” dei convogli.

“Ho accolto molto volentieri l’invito degli amministratori del territorio per l’ispezione della tratta – ha detto Donini – ben consapevole questo non sia il periodo di maggior carico, per poter vedere di persona le problematiche e le necessità della linea. Dopo gli investimenti messi in campo l’anno scorso per il rifacimento dei marciapiedi, ora l’impegno che assumo, come concordato con gli amministratori, è quello di monitorare il miglioramento della linea, l’attuazione degli investimenti previsti in termini di sistemi di sicurezza e infomobilità e, in prospettiva, l’ammodernamento del materiale rotabile“.

Dagli amministratori presenti- silegge in un comunicato laudativo della Giunta regionale . ” è giunto l’apprezzamento per la disponibilità e l’iniziativa dell’Assessore di verificare sul luogo le condizioni della tratta, sottolineando come la Regione abbia messo al centro dei propri investimenti la mobilità su ferro, con particolare riferimento al piano degli investimenti per il rinnovo del materiale rotabile”.

“Abbiamo investito dal 2011 sull’integrazione fra ferro e gomma cercando di creare le condizioni di interoperabilità fra i vari servizi – ha aggiunto Vernaci – evitando le sovrapposizioni e i parallelismi fra servizi su gomma e su ferro. I risultati nel bacino reggiano sono incoraggianti e vedono una richiesta sempre maggiore da parte dei cittadini di servizi ferroviari che oggi sono in grado di offrire precisione e rapidità di spostamento. Crediamo nell’infrastruttura ferroviaria come elemento qualificante di un territorio: questa sarà la nostra direzione di marcia”.

L’ispezione non ha evidenziato particolari problematiche ed è stata anche l’occasione anche per visionare l’esecuzione delle operazioni di interscambio nella stazione di Barco da parte del personale di bordo.

Da sottolineare che l’ispezione è avvenuta all’indomani dal raid vandalico che ha devastato proprio la stazioncina di Barco con vetri spaccati, cassette forzate e pensiline sfasciate. E’ stato un vero sabotaggio perché i vandali hanno utilizzato della tintura di jodio per mandare in corto circuito il sistema di scambio dei treni, col blocco di due convogli, ieri mattina, sino al ripristino dell’impianto elettrico da parte dei manutentori di Fer.

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *