Ritrovato vivo il bimbo giapponese abbandonato per punizione dai genitori nel bosco

3/6/2016 – E’ stato ritrovato vivo il bimbo giapponese di sette anni Yamato Tanooka, abbandonato dai genitori per punizione in un bosco del nord del paese sabato 28 maggio e sparito quando erano tornati a riprenderlo. Il bambino è in condizioni relativamente buone ed è stato trovato venerdì mattina nel territorio del Comune di Shikabe, nell’isola di Hokkaido, dalle squadre di soccorso che lo stavano cercando. Lo riferiscono BBC e Guardian sui loro siti.

L'interno della baracca dove si era rifugiato il bambino

L’interno della baracca dove si era rifugiato il bambino

Yamato era in una baracca in un’area di esercitazioni per l’esercito, a 7 km da dove era scomparso. Il bambino è stato rifocillato con pane e polpette di riso e portato in ospedale. I genitori inizialmente avevano detto che si era perso mentre raccoglievano verdure selvatiche. In seguito avevano ammesso di averlo abbandonato per punizione, perché aveva lanciato pietre alle auto di passaggio. Quando erano tornati a prenderlo, non lo avevano più trovato. Dopo il ritrovamento il padre ha chiesto pubblicamente scusa per il proprio comportamento.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *