Tutela del nascituro: facciamola davvero
“Latte artificiale a totale carico del servizio sanitario”
Appello del Tavolo Hemingway a Renzi, Lorenzin e Bonaccini

di Mario Guidetti*

30/6/2016 – Al tavolo politico-letterario Ernest Hemingway-CAD Sociale avevano deciso di prendersi una “estiva pausa sabbatica” ma hanno rinunciato per riflettere di come, almeno in un preciso e documentato frangente, la “Tutela dei nascituri” anziché essere un principio di tutela della sacralità della vita, sia solo uno slogan.

Come loro consuetudine, prima di “denunciare” fatti e circostanze, i membri del tavolo approfondiscono e verificano. Sono principi ai quali si attengono così come si attengono al dovere della verità.

Recentemente si sono complimentati con una coppia per la nascita del loro figlio, un bimbo bellissimo e in salute. Questa nascita, come tutte le nascite, rappresenta una gioia per  genitori, nonni ed indirettamente per tutti noi.

Avendo notato che quella coppia palesava qualche preoccupazione, abbiamo approfondito apprendendo che la madre non aveva latte per alimentare il proprio figlio.

Ovviamente l’industria  non lascia morire “le galline dalle uova d’oro” e, moderne balie,  è in grado di ottemperare alla bisogna producendo “un oneroso latte artificiale”. In buona sostanza: chi ha la gioia di procreare un figlio ma la madre non ha latte, la spesa per la sua alimentazione è di oltre 100 euro al mese NON mutuabili.

latte artificiale

Al tavolo Hemingway dissentono e sostengono che il latte artificiale al pari dei farmaci salvavita dovrebbe essere interamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Solo in questo modo si tutela il nascituro. Sarebbe una scelta prioritaria che lo Stato dovrebbe fare da subito.

E’ quanto chiediamo al presidente Renzi, è quanto chiediamo alla ministra Lorenzin (che è anche madre), è quanto chiediamo al presidente Bonaccini, è quanto chiediamo alle/ai parlamentari reggiani, è quanto chiediamo a chi ha il potere di decidere. Solo allora potremo affermare che la “Tutela del nascituro” è realizzata davvero e non è solo uno slogan.

Altri sono i modi per ridurre gli sprechi della sanità pubblica. Ad esempio, come fanno in altri paesi europei, si potrebbero fornire i medicinali in base all’effettivo fabbisogno e non in confezioni “monstre” (prescrizione tre pastiglie, confezione da 10). Questo è un esempio di corretto e “risparmioso” utilizzo dei farmaci. Non certamente, come avviene ora, quello di negare la fornitura gratuita del latte artificiale ai neonati.

Arriveranno risposte? Nel frattempo e fino a quando non sarà svezzato, per quel nascituro, un futuro e prezioso cittadino, i membri del tavolo Hemingway si faranno carico del costo del latte artificiale. Come diceva Calimero: “E’ una ingiustizia però!”.

Per i membri del tavolo Hemingway-CAD Sociale la “più grande ricompensa”  è stata quella di aver visto la serenità nello sguardo di quei genitori. Fra qualche mese, “dono ancor più grande” sarà quella di ricevere  un sorriso da quel neonato.

Cordialità, speranza.

*Portavoce del “tavolo Ernest Hemingway”-CAD Sociale     

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *