Reggio città dei bordelli cinesi: la Squadra Mobile ha chiuso il sedicesimo centro massaggi

27/6/2016 -Nascono come funghi con una rapidità stupefacente, e con altrettanta rapidità la polizia li chiude. La Squadra Mobile della Questura di Reggio Emilia ha sequestrato il sedicesimo bordello cinese spacciato per centro massaggi. Nella giornata di venerdì 24 giugno sono stati posti i sigilli al centro massaggi al “Tuina” di via Cartesio 31/A a Reggio Emilia. Nella casa del sesso a pagamento, secondo quando accertato in sede di indagini, esercitavano due ragazze cinesi.

Quando il personale della Mobile è entrato, nel centro massaggi c’erano solo la titolare e una lavorante.  L’abbigliamento e la descrizione delle due, però, non corrispondeva a quella fornita da un cliente, appena fermato fuori dall’esercizio, che aveva usufruito delle prestazioni sessuali a pagamento. La ricerca della terza massaggiatrice non è stata particolarmente lunga poiché, in una scena un po’ comica,  da sotto uno dei lettini è spuntata  una giovane cinese, che non risulta formalmente assunta dal centro e, probabilmente, per questa ragione ha cercato goffamente di nascondersi.

Peraltro i postriboli travestiti da centri massaggi sembrano essere una specialità di famiglia:  la titolare del Tuina è la sorella della titolare del centro massaggio di via Pasteur  24 sequestrato il 12 aprile scorso.

In poco più di un anno la Squadra Mobile di Reggio Emilia ha già proceduto:

 

  1. in data 4 febbraio 2015, al sequestro preventivo di iniziativa, successivamente convalidato, di altro centro massaggi sito in questo centro cittadino denominato “Oasi”;
  2. In data 23 marzo 2015, al sequestro preventivo di iniziativa, successivamente convalidato, di altro centro massaggi sito in questo centro cittadino denominato “Ebay”.
  3. In data 18 maggio 2015, al sequestro preventivo di iniziativa di altro centro massaggi denominato “Beauty “, sito in Scandiano (RE), via delle Scuole§;
  4. In data 4 giugno 2015, al sequestro preventivo di inizia di altro centro massaggi denominato “Luna”, sito in Reggio Emilia, via Newton:
  5. in data 7 settembre 2015, al sequestro preventivo di iniziativa di altro centro massaggi denominato “CENTRO BENESSERE LI REN WU SAS di Zhou DARUI “, sito in Reggio Emilia via Degani n°1.
  6. In data 28 settembre 2015, al sequestro preventivo del centro massaggi denominato “Tuina” , sito in Reggio Nell’Emilia Via Galileo Galiei n. 8
  7. in data 11 novembre 2015, al sequestro preventivo del centro massaggi denominato “Centro Relax SHUANG Li s.a.s. di HONG Xiuli e C.”sito in Reggio Emilia, Via Garcia Lorca nr.10 ;
  8. in data 11 novembre 2015, al sequestro preventivo del centro massaggi denominato  “BEL MASSAGGIO s.a.s” di HUANG ZHANG BANG & C;
  9. in data 15 gennaio 2016, al sequestro preventivo del centro massaggi denominato Centro Estetico Giulia sas di LI Yuzhu & C” sito in Reggio Emilia, via Gorizia;
  10. in data 18 febbraio 2016, al sequestro preventivo del centro massaggi denominato “TU INA di CHEN Zengchong” CHEN Xiaofang” sito in Reggio Emilia, Ferrari n. 2/F;
  11. in data 19 febbraio 2016, al sequestro preventivo del centro massaggi genomianto Scandiano (RE), via Tintoretto, denominato “TUINA” ;
  12. in data 14 marzo 2016, al sequestro del centro massaggi denominato “Isola” sito in Reggio Emilia, via Goya;
  13. in data 12 aprile 2016, al sequestro del centro massaggi denominato “SAKURA” sito in Reggio Emilia Via Pasteur nr. 24;
  14. .in data 28 aprile 2016, al sequestro del del centro massaggi denominato “Massaggi orientali di Zhang Chounru” sito in .”sito in Reggio Emilia, Via Garcia Lorca nr.10;
  15. In data 13 maggio 2016, al sequestro del “centro benessere Wang Ling “ubicato in Reggio Emilia viale Risorgimento nr. 2/1.

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Reggio città dei bordelli cinesi: la Squadra Mobile ha chiuso il sedicesimo centro massaggi

  1. giuseppe Rispondi

    27/06/2016 alle 12:08

    Ma la mafia italiana che si piazzò in USA non decollò all’inizio gestendo bordelli ?
    I cinesi emigrati copiano dalle esperienze italiane!

  2. Ivaldo Casali Rispondi

    27/06/2016 alle 13:31

    Alle Autorità competenti: A quando la chiusura del “centro massaggio”, bordello a cielo aperto, che perdura da tempo sulla via Emilia e relativi centri abitati presenti!
    La totale mancanza di sicurezza igienico-sanitaria, l’oltraggio al decoro pubblico di una città e tutto quanto viene ritrovato al mattino(da chiunque anche bambini)nelle zone interessate, è ben più grave dei centri massaggi in abitazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *