Park Vittoria, il Comune obbligato a risarcire Lodetti Alliata?
L’art. 24 della convenzione con Rep: le opposizioni vogliono vederci chiaro

28/6/2016 – L’affaire del Park Vittoria è sempre più ingarbugliato. Il Comune rischia di dover pagare milioni e milioni alla società concessionaria Reggio Emilia Parcheggi, quale rimborso dei costi effettivamente sostenuti prima del collaudo dell’opera . La breccia nei conti dell’ente locale sarebbe contenuta nell’articolo 24 della convenzione stipulata nel 2011 tra l’amministratore delegato di Rep , Filippo Lodetti Alliata, e l’architetto Massimo Magnani, responsabile del progetto per il Comune di Reggio Emilia e super dirigente dell’urbanistica. Magnani e Alliata sono indagati dalla Procura di Reggio Emilia per l’ipotesi di rischio di crollo. Sarà una perizia tecnica a stabilire se esista effettivamente tale rischio per le fondamenta del teatro Valli e degli altri edifici circostanti, in conseguenza degli spostamenti della massa d’acqua sotterranea dentro cui è stato costruito il parcheggio interrato di piazza della Vittoria. Ed è proprio in questo tetro scenario, per il quale non si può escludere un sequestro dell’opera ormai arrivata a compimento, che scatterebbe anche la clausola dell’articolo 24.

E' quasi terminata la pavimentazione di piazza della Vittoria: sotto c'è il parcheggio

E’ quasi terminata la pavimentazione di piazza della Vittoria: sotto c’è il parcheggio

La questione è al centro di un’interrogazione presentata ieri dai consiglieri di opposizione Cesare Bellentani, Cinzia Rubertelli,  (entrambi di Alleanza Civica),  Giuseppe Pagliani capogruppo di Forza Italia, Ivan Cantamessi e Alessandra Guatteri dei 5 Stelle, Gian Luca Vinci consigliere della Lega Nord (e responsabile regionale del partito).

I firmatari hanno rinunciato a presentare un odg urgente e a trasformarlo in interrogazione di fronte all’impegno del sindaco Luca Vecchi di raccogliere la documentazione e dare una risposta entro pochi giorni.

PARK VITTORIA, COSA RISCHIA IL COMUNE? IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE DELLE OPPOSIZIONI

Premesso che

1)   Abbiamo  appreso dalla stampa che sarebbero in corso indagini sul  cantiere del cosiddetto Park Vittoria, e il cantiere, sempre stando alle voci della stampa, sarebbe a rischio sequestro.

2)   stando  alla convenzione stipulata fra il Comune di Reggio Emilia nella persona del  sig. Massimo Magnani e la società Reggio Emilia Parcheggi SpA  nella persona del sig. Filippo Lodetti Alliata in data 4/5/2011 repertorio  107.405 davanti a  notaio Luigi Zanichelli, art.24 il comune è impegnato a rimborsare al concessionario “il valore delle opere realizzate più gli oneri  accessori, al          netto degli ammortamenti, ovvero, nel caso in cui l’opera non abbia ancora  superato la fase di collaudo, i costi effettivamente sostenuti  dal Concessionario”.

Considerato che

 Se quanto  riportato dalla stampa  rispondesse a verità ciò porrebbe il Comune di Reggio Emilia  in una gravissima  situazione debitoria;

si richiede

 Che il Sindaco intervenga per chiarire la  posizione, in  particolare:

1)   se  le voci riportate dalla stampa abbiano reale fondamento;

2)   qual è la situazione economico patrimoniale e finanziaria della  società di progetto,  visto che, in caso di difficoltà della medesima, il Comune dovrebbe accollarsi i costi citati in premessa;

3)   Quali  sono i costi sinora sostenuti per la realizzazione di questo  manufatto

(interrogazione firmata dai consiglieri comunali Bellentani, Rubertelli, Cantamessi, Guatteri, Pagliani e Vinci)

Be Sociable, Share!

5 risposte a Park Vittoria, il Comune obbligato a risarcire Lodetti Alliata?
L’art. 24 della convenzione con Rep: le opposizioni vogliono vederci chiaro

  1. giuseppe Rispondi

    28/06/2016 alle 11:59

    L’art. 24 è stato approvato dal consiglio comunale ? Come mai comunque il Comune si è assunto un onere di tale dimensione ? Ha stipulato almeno un’assicurazione contro tale rischio ? Temo che sussistano gravi responsabilità anche patrimoniali per chi ha sottoscritto e deliberato tale convenzione per il solo fatto di aver assunto un rischio di tale dimensione ; a maggior ragione se il rischio non fosse coperto da apposita assicurazione.

  2. no Rispondi

    28/06/2016 alle 16:01

    Non è stato approvato da Consiglio, è stato firmato da Magnani su mandato della Giunta

  3. deliana Rispondi

    28/06/2016 alle 19:22

    Reggio città delle persone (prese per i fondelli!!!)

  4. giuseppe Rispondi

    29/06/2016 alle 08:36

    In base alla informazione del “no”, temo che la responsabilità di tale atto sia di tutta la giunta oltre ovviamente del direttore. E’ una grave responsabilità per aver firmato un atto simile, anche se non venisse attivata azione di danno.

  5. rasputin Rispondi

    30/06/2016 alle 01:02

    il park vittoria e’ dopo l’uccisione dei fratelli cervi il crimine maggiore compiuto a reggio emilia. un’opera assolutamente inutile voluta da del rio per farsi bello agli occhi di renzi donando soldi e favori ad Alliata finanziatore privato dello stesso matteo il fiorentino. Un’opera sempre scartata perche’ pericolosa e assolutamente non necessaria. Un’opera che ha messo in ginocchio decine di attivita’ commerciali della zona rendendo tutta l’area una polveriera. A poche decine di metri dal parcheggio giorni fa’ c’e’ stato un omicidio. Un’opera che ha visto l’attoganza dei cattolici del pd impadronirsi definitivamente del partito facendo fuori l’unico vero baluardo della sinistra istituzionale reggiana; franco corradini. Un’opera che rendera’ piazza della vittoria piu’piazza martiri del sette luglio un unicum desolato degno dei film di jodoroski. Un abbruttimento totale del centro di reggio reso deserto e desolante al solo scopo di rinvigorire sempre piu’ la zona dei petali dell’amico squinzi. E montipo’? no problem, a montipo da vero re sole reggiano non interessano i soldi, la sua e’ la vendetta del montanaro che arriva a reggio e si costruisce la sua versaille al solo scopo di passarci davanti in carrozza salutando i sudditi festanti. Reggio centro e’ stato massacrato dal trio spadoni del rio magnani; con la scusa di renderlo migliore lo hanno reso un plastico freddo e inanimato. il park Caporetto rappresenta la sconfitta assoluta di una amministrazione cattolica dossettiana fuori di testa con la visione di un mondo assurdo creato dallo stress del fervente credente che sente l’impegno divino. Praticamente un progetto su come lo vorrebbe Lui: l’uomo il mondo le citta’ degno del tardo medioevo, peccato che i cittadini reggiani per questo duomo sotterraneo pagheranno milioni di euro. grazie graziano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *