Evade dai domiciliari per andare a rubare. Arrestato nel centro di Montecavolo grazie a un cittadino

9/6/2016 – A maggio, come rivelarono le telecamere di un bar, era evaso dagli arresti domiciliari per andare a prendere un caffè al bar. Ma ora, come accertato dai Carabinieri di Quattro Castella che lo hanno preso praticamente con le mani nel sacco arrestandolo per evasione e furto,   è evaso per andare a rubare.

Se nel primo caso dopo la convalida aveva ottenuto nuovamente gli arresti domiciliari,  domani nell’udienza davanti al tribunale di Reggio Emilia rischia concretamente di finire in carcere. Protagonista un quarantenne di Quattro Castella.

Ieri poco dopo le 16,30  un cittadino ha segnalato al “112” di aver notato un giovane che sceso da una Fiat Stilo, si dirigeva verso il furgone di una ditta di termoidraulica, in sosta nel parcheggio del centro commerciale OBI di Reggio Emilia, e da lì portava via  una valigia nera del tipo di quelle contenenti attrezzi da lavoro. Dopo il furto si è allotanato sulla  Fiat Stilo, della quale tuttavia l’autore della segnalazione aveva annotato la targa. L’operatore della centrale operativa dopo aver accertato che il veicolo era intestato al padre del detenuto in regime di arresti domiciliari, allertava i Carabinieri della Stazione di Quattro Castella che si precipitavano presso l’abitazione del 40enne, accertando la sua assenza e quindi l’evasione. Scattavano le ricerche del veicolo, raggiunto e fermato nel centro di Montecavolo. All’interno del bagagliaio c’era la valigia nera appena rubata piena di attrezzi quali cacciaviti, tester, chiavi e altri arnesi che venivano poi restituiti al derubato. Nel bagagliaio dello stesso veicolo i Carabinieri rinvenivano numerose paia di scarpe da ginnastica inscatolate la cui provenienza probabilmente furtiva è ora in corso di accertamento. L’uomo veniva quindi arrestato per furto aggravato ed evasione e ristretto a disposizione della Procura reggiana. Domattina comparirà davanti al Tribunale di Reggio Emilia

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *