“Trecento euro per andare con tua figlia” Pedofilo insidia bimba di 11 anni: denuncia della Caramella Buona

6/5/2016 – “Ti dò trecento euro se mi fai “baciare” tua figlia”. La figlia ha undici anni. Un caso sconvolgente di pedofilia, con col tentativo di violenze sessuali su una bambina documentato da tre registrazioni telefoniche, è stato rivelato ieri dal fondatore dell’associazione antipedofilia “la Carmella Buona”, il reggiano Roberto Mirabile, in occasione della giornata internazionale della lotta alla pedofilia. Il Tg4, arrivato con una troupe a Reggio Emilia, ha intervistato la mamma della piccola e ha mandato in onda una registrazione  con la voce distorta dell’orco.

Il logo dell'associazione La Caramella Buona

Il logo dell’associazione La Caramella Buona

Il sostituto procuratore Maria Rita Pantani, sulla base della segnalazione di Mirabile, ha aperto un fascicolo per prostituzione minorile e ha inviatogli atti alla procura dei minorenni di Bologna.

La vicenda si trascina da agosto, quando un uomo maturo di oltre sessant’anni ha avvicinato una donna nigeriana da anni in Italia,  offrendogli prima cinquecento euro, poi trecento se gli avesse fatto “baciare” la figlia undicenne: in questo caso il termine “baciare” significa un rapporto sessuale non completo.

L’uomo è tornato alla carica più volte, con insistenza, praticamente ogni giorno, tanto che la madre ha pensato seriamente di cambiare quartiere per proteggere la figlia e se stessa. E’ andata dai  Carabinieri, poi su consiglio di un amico si è rivolta alla  Caramella Buona e ha parlato con Mirabile, che a sua volta  ha consigliato di registrare di nascosto le avance dell’uomo. Poi Mirabile si reca nel quartiere, fotografa l’uomo e procede alla segnalazione alla Procura della Repubblica.

Il caso non è chiuso, perché un pedofilo é a piede libero e infesta un quartiere di Reggio.

 

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a “Trecento euro per andare con tua figlia” Pedofilo insidia bimba di 11 anni: denuncia della Caramella Buona

  1. Ci sono sempre stati Rispondi

    06/05/2016 alle 08:55

    Di pedofili, anche quando ero piccola io, ce ne sono sempre stati. Anche qui al Nord.
    Oggi si sono ‘specializzati’ questi malati mentali.
    Società cosiddetta.., genitori consenzienti spesso e GIUSTIZIA (CHE DOVREBBE ESSERE AL CONTRARIO DURISSIMA), permettendo..
    Vediamo ora se, rinnovato questo can-can contro di ‘essi’ (chiamarli loro è troppo) e dopo gli episodi osceni degni di una porcilaia che si sono svolti al sud, si provvederà SUL SERIO a fermare lo scempio ai danni dei minori.
    In Italia.
    Nel mondo.

  2. Francesca G. Rispondi

    02/07/2016 alle 09:07

    Per fortuna che la Caramella Buona se ne occupa. Ma come è finita questa orrenda cosa? C’è ancora pericolo per i nostri bimbi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *