Scontro sindacale: sciopero anti-Storchi (con fumogeni) blocca il gruppo Comer

18/5/2016 – Scontro frontale tra la Fiom di Maurizio Landini e Fabio Storchi, presidente del Gruppo Comer e di Federmeccanica nazionale.

Ieri sìuno  sciopero di otto ore ha provocato la paralisi “pressoché totale” della produzione in tutti gli stabilimenti reggiani e mantovani del gruppo Comer.

Sul piano locale – precisa un comunicato Fiom – “lo sciopero è stato proclamato a sostegno della trattativa sindacale in corso sugli obiettivi per il Premio di Risultato del 2016, sulle qualifiche, sulla sicurezza e sull’organizzazione del lavoro Punti sui quali in questi mesi non sono mancate tensioni crescenti”. Ma è evidente che la durezza della vertenza ha a che fare con il braccio di ferro in atto tra sindacati e Federmeccanica sul contratto nazionale: insomma, una pressione su Storch che guida l’associazione di Confindustria degli imprenditori del settore meccanico.

Il presidio con tamburi e fumogeni davanti alla direzione Comer di Reggiolo

Il presidio con tamburi e fumogeni davanti alla direzione Comer di Reggiolo

Lo sciopero è stato  indetto dal Coordinamento delle Rappresentanze Sindacali Unitarie del Gruppo, insieme alla Fiom di Reggio Emilia e Mantova e alla Uilm di Reggio: delegazioni degli stabilimenti di Reggiolo, Cavriago, Moglia e Pegognaga hanno dato vita a un rumoroso presidio, con bandiere rosse e fumogeni,  di oltre 200 lavoratori davanti alla palazzina uffici della sede centrale di Comer a Reggiolo.

” Una mobilitazione – scrive la Fiom – che ha dato dimostrazione di compattezza tra i lavoratori del Gruppo ma anche di sostegno alle posizioni della delegazione sindacale e delle Organizzazioni Sindacali che ora chiederanno un nuovo incontro alla direzione aziendale”.

Il presidio davanti alla direzione Comer

Il presidio davanti alla direzione Comer

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *