Ruggito Grissin Bon! Orgoglio, intensità e difesa le chiavi della vittoria biancorossa in gara 5. Reggio avanti 3-2.

26/05/2012 – ( Carlo Codazzi) – La Grissin Bon ha ruggito e ha fatto sua gara 5 della serie di semifinale con la Sidigas Avellino battuta 8-72 al termine di una partita “brutta, sporca e cattiva”. Adesso i biancorossi sono di nuovo avanti nella serie per 3-2 e hanno il primo match ball per conquistare il pass per la finale scudetto sabato sera nel prevedibile “inferno” del Pala Del Mauro. Stavolta l’orchestra di Menetti ha suonato all’unisono lo spartito e la Reggiana ha vinto giocando “di squadra”, mentre alla Scandone non sono bastati i 44 punti segnati dalla coppia d’assi duo Ragland-Nunnally.

Gli agnellini di martedì scorso, facili prede delle zanne dei lupi irpini (Avellino ha vinto con uno scarto di 43 p.!)si sono trasformati in leoni davanti al pubblico di Fort “PalaBigi” ruggendo sin dalla palla a due. Menetti ha puntato tutto sulla difesa (individuale inizialmente) così  la Reggiana ha aggredito gli avversari esercitando tanta pressione sulla palla e contenendo il pick&roll. Area chiusa e faccia cattiva per Della Valle e soci che hanno mostrato inensità e optato per i falli (alla fine 29 per Reggio contro i 23 della Sidigas andata in lunetta ben 33 volte contro le 17 dei padroni di casa) per mostrare subito alla Scandone che le autostrade del Pala Del Mauro al PalaBigi sono soltanto un miraggio. Nel 1° quarto ha fatto il suo, nei 4’ trascorsi sul parquet, Golubovic che ha retto bene sotto le plance marcando 4 p. e catturando 3 rimbalzi. Frazione in archivio con Reggio sopra 18-13 dopo il 2-5 dei primi 2’. Per Aradori già 2 falli.

La gara si è sempre mantenuta sul filo dei nervi  e nel 2° quarto Darjus Lavrinovic è incappato in un “antisportivo”. Il centro lituano ha sbarrato la strada ai lunghi di Avellino ed ha infilato 7 p. conditi da una splendida tripla. Squadre solide e preoccupate di non concedere conclusioni facili e penetrazioni all’avversaria così il parziale è vissuto di sorpassi e controsorpassi dopo il + 8 raggiunto dopo 2’ dalla Reggiana (25-17). Avellino, pur con la scena muta dei suoi lunghi, è risalita fino al sorpasso del 30-31 a 3’ dalla pausa. Parziale di 7-0 per i biancorossi controbilanciato dal 7-0 della Scandone con 5 p. del solito Nunnally. Alla pausa lunga Reggio sopra di 1 punticino: 39-38.

Nel 3° quarto la difesa reggiana ha alzato l’intensità e ha chiuso sul pick&roll centrale tagliando i rifornimenti dentro l’area. Buva e Cervi da lupi feroci si sono trasformati in lupi spelacchiati di fronte a Lavrinovic e Silins con i piccoli biancorossi impegnati a togliere fluidità alla circolazione di Avellino. Per gli irpini porte sbarrate anche dall’arco. La difesa biancorossa ha tolto il respiro agli ospiti fermi a soli 12 punti nel 3° quarto che ha visto la Grissin Bon tentare la fuga con un allungo a +7 a metà della frazione (51-44) nonostante il 4° fallo di Silins. Dopo aver toccato 9 p. di massimo vantaggio (57-48), con Avellino ha fallire anche tiri aperti, la Reggiana ha terminato il parziale sul 57-50 a proprio favore.

Nell’ultimo quarto è salito sempre più in cattedra Aradori (ha chiuso il match con 16 p. col 75% da 2, 9 rimbalzi difensivi, 4 assist per 28 di valutazione) supportato dai piccoli De Nicolao, Needham e Della Valle che con tanta pressione e veloci transizioni hanno spinto la Grissin Bon fino al + 11 (68-57) dopo 4’ in cui Sacripanti ha subito un “tecnico”. La grande difesa di Reggio ha implicato la salita costante sul fronte falli con Rimas a salire quota 4, ma ad uscire per aver toccato il tetto dei 5 è stato l’irriconoscibile Buva out, definitivamente, a metà del parziale. Avellino non ci stava e sorretta dalla classe di Ragland e Nunnally ha alzato il ritmo in attacco arrivando ad un possesso di distanza dalla Reggiana (68-65) a 3’26” dalla sirena finale. La match up biancorssa però ha retto nella fase conclusiva con la Scandone a perdere possessi fondamentali, così i grissini hanno ripreso quota fino a saldare definitivamente i conti grazie al 2/2 dalla lunetta di Polonara e alla transizione, originata da un grande recupero difensivo, chiusa in lay up da DeNicolao: 78-69 a 1’02” dalla sirena. Negli spiccioli di match out Silins (un gigante in difesa) al 5° fallo e sipario calato con la Grissin Bon vincente col punteggio di 82-72.

Sabato primo match ball per la truppa di Menetti per l’accesso alla finale scudetto. Un sogno che potrà trasformarsi in realtà se i biancorossi getteranno sul parquet del Pala Del Mauro la cattiveria agonistica e l’intensità mostrate stasera al PalaBigi. Carattere e personalità per non cedere alle intimidazioni di un pubblico “caldissimo”,  anzi rovente. (Sulla pagina facebook di Reggio Report sono disponibili i video delle conferenze post match dei due coach e dell’intervista esclusiva a Silins).

TABELLINO

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-SIDIGAS AVELLINO  82-72

Singoli quarti   (18-13;  21-25;  18-12;  25-22 )

Progressivi       (18-13; 39-38; 57-50; 82-72)

Arbitri: Taurino Paolo, Mazzoni Manuel, Sardella Gianluca.

GRISSIN BON: Aradori 16, Della Valle 11, De Nicolao 8 , Silins 3, Kaukenas  10,  Polonara  8, Gentile , Golubovic  7, Lavrinovic 10, Needham  9 .  N.E. Parillo. Allenatore Massimiliano Minetti.

SIDIGAS AVELLINO: Veikalas  2, Ragland  23, Pini 5, Buva 6, Green 3, Nunnally  21, Severini 2, Leunen 4 , Cervi  6; Ongwae. N.E. Norcino, Parlato .  Allenatore: Stefano Sacripanti.

Note: Tiri da due Reggio E. 23/39 (59%) – Avellino  14/29 (48%)  tiri da tre:  Reggio  E. 7/28 (25%)  Avellino 6/23 (26%) Tot. Tiri  Reggio E. 30/67 (45%) Avellino 20/52 (38%).  Tiri liberi: Reggio E. 15/17 (88%)   Avellino  26/33 (79%)   rimbalzi: Reggio E. Dif. 28 Off.10  Avellino  Dif. 27 Off. 7.  P.R. Reggio E.  8, Avellino  5,  P.P. Reggio  E. 11 , Avellino 15.  Assist: Reggio E.  14 ,Avellino 8 ; Stoppate: Reggio E. 1,  Avellino  2. Valutazione complessiva  Reggio E. 85, Avellino  70 . Punti in area   Reggio E. 38 , Avellino 22 Tiri 2^ opportunità: Reggio E. 10  Avellino  9 Punti quintetto: Reggio E. 47 (57,3%), Avellino 56 (77,8%) . Punti Panchina  Reggio E. 35 (42,7%)  Avellino  16 (22,2%).

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *