Regime in Sala del Tricolore
Il Pd vieta di parlare della falsa mail e della presidente Caselli, accusata di mala gestio

23/5/2016 – In consiglio comunale non si discute della presidente Emanuela Caselli, nemmeno quando vengono violate elementari norme democratiche. Oggi pomeriggio non è stato ammesso alla discussione un documento urgente presentato dai consiglieri di opposizione Bellentani, Vaccari, Cantamessi, Cinzia Rubertelli, Pagliani, Bassi e Caccavo sul “gravissimo” episodio dei giorni scorsi, quando con una mail non autorizzata e utilizzando illegalmente la firma della presidente di Commissione Alessandra Guatteri, è stata annullata la riunione della commissione dedicata all’esame del nuovo regolamento della Polizia Municipale. Poi sono insorte le opposizioni  e con un ulteriore pasticcio sono state riconvocate due commissioni congiunte.

Emanuela Caselli

Emanuela Caselli

Il fatto che venga utilizzato il nome di un consigliere, a sua insaputa, probabilmente non ha precedenti. La presidente Caselli non ha saputo far di meglio che scaricare la responsabilità sui funzionari, col sostegno del capogruppo Pd Andrea Capelli. Il capogruppo di ForzaItalia Giuseppe pagliani ha annunciato che in mancanza di un chiarimento, si procederà con una denuncia alla magistratura.

Andrea Capelli con la fascia tricolore, mentre celebra un matrimonio

Andrea Capelli con la fascia tricolore, mentre celebra un matrimonio

Oggi pomeriggio l’occasione del chiarimento poteva esserci nella sede deputata, la Sala del Tricolore, ma il Pd l’ ha soffocata sul nascere impedendo la discussione sull’odg  delle opposizioni. Ordine del giorno che stigmatizzava il comportamento della presidente Caselli e chiedeva al sindaco di rivelare chi avesse ordinato proditoriamente l’annullamento della commissione (con la presidente Guatteri all’oscuro di tutto) e ” di esprimere pubblicamente piena solidarietà e appoggio ai dipendenti del servizio  di Segreteria Generale, di Segreteria delle Commissioni  Consiliari e alla Segreteria dei gruppi consiliari accusati di una decisione che sicuramente non è stata presa da loro, ma che ovviamente hanno agito su indicazione di qualcun altro”.

Alessandra Guatteri, di spalle Norberto Vaccari

Alessandra Guatteri, di spalle Norberto Vaccari

Ora, il Pd – che ha una larga maggioranza – avrebbe potuto bocciare il documento, ma non ammettere neppure  la discussione- com’è avvenuto – è segno evidente d’imbarazzo, e che qualcuno ha una vistosa coda di paglia.

Giuseppe Pagliani

Giuseppe Pagliani

“Quello che è accaduto la scorsa settimana  è    gravissimo – ha dichiarato il consigliere di Alleanza Civica cesare Bellentani –  Abbiamo esposto le ragioni di urgenza, ma il Pd con l’intervento del    capogruppo Capelli ha bocciato l’urgenza, dichiarando che i   chiarimenti sarebbero stati dati in conferenza dei capigruppo e in    commissione. In realtà Capelli ben sa che non è stata fatta    chiarezza sui fatti accaduti che gettano ombre e grandi    preoccupazioni sull’istituzione, che meriterebbe davvero di essere un    palazzo di vetro: ma chi ha impartito l’ordine ama i vetri offuscati    e non quelli limpidi richiesti dalla città…” . Conclude Bellentani:  “Stiamo entrando in una fase in cui si vuole fare tacere    l’opposizione, ma non lo accettiamo.   Continueremo a batterci per la trasparenza”

L’ORDINE DEL GIORNO DELLE OPPOSIZIONI  SULLA PRESIDENTE CASELLI NON AMMESSO ALLA DISCUSSIONE

Ordine del giorno           art 20 del regolamento del consiglio comunale, in merito all’annullamento della commissione 4^

 Martedì 17        maggio, dalla Segreteria         dei gruppi consiliari, è stata inviata         una comunicazione        non        autorizzata di annullamento della 4^ Commissione Consiliare con        oggetto la        trattazione delle modifiche al regolamento di Polizia        Municipale, argomento poi        spostato alla 6^ Commissione in forza di un parere informale        della Segreteria        Generale.

Cesare A. Bellentani consigliere comunale di Alleanza civica-lista Magenta

Cesare A. Bellentani consigliere comunale di Alleanza civica-lista Magenta

Parere informale (che non è stato        comunicato alla        Presidente Guatteri) dal quale però sarebbe partito l’input per        inviare la        comunicazione inviata tramite e-mail per conto della Presidente        Guatteri, senza che quest’ultima ne avesse dato l’approvazione o comunque ne fosse stata messa a          conoscenza.

È bene sottolineare che all’atto della         convocazione della commissione IV la presidente Guatteri ha concertato come da prassi         l’oggetto e i dirigenti da coinvolgere con l’assessore di riferimento, Natalia Maramotti, e ha provveduto a dare debite         informazioni alla        segreteria al fine         di inviare la convocazione.

Mercoledì 18        maggio sono accaduti         due fatti gravi.

Il         primo è stato tentativo, per noi        inaccettabile, da parte della Presidente Caselli di        addossare la responsabilità ai    dipendenti del servizio di Segreteria.  Si dava completamente a loro la colpa per l’invio di questa comunicazione; un gesto da cui prendiamo         le distanze in quanto va ad        accusare di un’azione         impropria alcuni         dipendenti che sicuramente,       per la loro comprovata        competenza ed esperienza,       non si azzarderebbero mai ad inviare         di propria iniziativa una disdetta         di una commissione.

Il secondo è accaduto durante la conferenza dei capigruppo in cui le opposizioni hanno unitariamente chiesto         chiarimenti in merito e domandato         quanto segue:

•             chi ha ritenuto  di chiedere parere  alla Dott.ssa Iovinella;

•             chi di conseguenza ha impartito l’ordine urgente di inviare la comunicazione di annullamento della commissione IV senza attendere il        coinvolgimento della presidente Guatteri;

•             chi ha provveduto         a contattare il presidente Marchi per convocare         la commissione VI allo        stesso luogo, orario e con lo stesso         ordine del giorno         della commissione IV.

A questi quesiti         volti alla massima         chiarezza e trasparenza su un fatto gravissimo la Presidente Caselli non ha fornito alcuna risposta chiarificatrice in merito.

Questo è un fatto preoccupante, gravissimo, e sicuramente un   comportamento        inaccettabile.

Pertanto si chiede al Sindaco:

•  di esprimere pubblicamente in questo consesso  piena solidarietà e appoggio ai dipendenti del servizio  di Segreteria Generale, di Segreteria delle Commissioni  Consiliari e alla Segreteria dei gruppi consiliari accusati di una decisione che sicuramente non è stata presa da loro, ma che ovviamente hanno agito su indicazione di qualcun altro;

•                di relazionare dinnanzi  al consiglio comunale  su chi ha chiesto alla Segreteria        Generale chiarimenti in merito alle competenze della commissione 4^ e di conseguenza chi ha sollecitato l’invio dell’annullamento alla Segreteria dei gruppi  consiliari in modo da chiarire         a tutti i consiglieri l’accaduto.
(firmato dai consiglieri Bellentani, Vaccari, Cantamessi,    Rubertelli, Pagliani, Bassi, Caccavo)
Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. nadia Rispondi

    23/05/2016 alle 22:12

    L’arroganza del PD ovvero partito dittatura sta raggiungendo livelli oltre misura, ma non saremmo arrivati a questopunto se le opposizioni e i ciitadini si fossero svegliati prima. Urge che le opposizioni vadano fra la gente a spiegare questo potere che il gruppo di maggioranza si e’ preso senza averne diritto. La gente deve sapere, non si possono limitare le battaglie alle sedute del consiglio comunale, e’troppo comodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *