Nuovi sequestri di documenti negli uffici comunali dell’urbanistica
Ma questa volta non riguarda l’inchiesta Catasto

3/5/2016 – La Guardia di Finanza di Reggio Emilia si è nuovamente recata negli uffici del settore urbanistica e edilizia del comune di Reggio Emilia, nel palazzo ex Tribunale di via Emilia San  Pietro, per sequestrare altri documenti. Il primo accesso era avvenuto due settimane fa e ha riguardato, come poi si è appreso, materiale relativa all’inchiesta sulle irregolarità al Catasto denunciate in più esposti dall’ex direttore Potito Scalzulli.  

La nuova visita delle Fiamme Gialle è pochi giorni fa: secondo voci circolate oggi non avrebbe riguardato l’inchiesta Catasto, ma altre vicende. La Procura ha deciso di indagare sui piani urbanistici e le vicende rivelate dai media nelle ultime settimane?

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    05/05/2016 alle 19:56

    Ecco, queste sono veramente cose orribili. Non solo esistono le partecipate, ma si lucra anche sulle tasse del catasto.
    Queste sono cose da approfondire. Mi dispiace, ma purtroppo il magna magna e’ in crescita.

    E poi ti arrivano delle bollette del gas da salasso.
    E col coraggio di far trivellare a Montecavolo, per dire, quando del gas ne siamo invasi.

    Per assurdo, del petrolio se ne trova pure a Genova, dopo la lacerazione dell’oleodotto.

    Su questo mi piacerebbe che si approfondisse! , su manager Iren che prendono fior di quattrini.

    Ma manager di che ?

    Non era meglio l’Agac ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *