Non cacciate la Reggiana dal Mapei
Scade l’affitto dello stadio, il consiglio comunale si schiera con la società granata

3/5/2015Non strangolate la Reggiana con l’affitto dello stadio: è questo il senso di due documenti (uno del Pd De Franco, l’altro del capogruppo leghista Gianluca Vinci) approvati ieri pomeriggio dal consiglio comunale di Reggio Emilia. In sostanza, si chiede al sindaco e alla giunta di intervenire per assicurare il rinnovo del contratto d’affitto tra Reggiana Calcio e società proprietaria del Mapei-Città del Tricolore (dove, è noto, gioca il Sassuolo),  perchè non vengano imposti aumenti del canone alla società sportiva e possibilmente vengo riconosciuto uno scontro.

 

Lo stadio di Reggio Emilia, durante una partita del Sassuolo

Lo stadio di Reggio Emilia, durante una partita del Sassuolo

Il documento De Franco è stato approvato con 20 voti favorevoli, mentre quello di Vinci è passato perchè il Pd ha votato in ordine sparso: 10 voti favorevoli (Lega Nord, Movimento 5 Stelle, Campioli, Cigarini, De Franco, Franceschini, Manghi e Montanari del Pd), un voto contrario (De Lucia, Pd) e 9 astenuti: Aguzzoli, Cantergiani, Capelli, Caselli, Davoli, Pavarini, Vecchi, Vergalli del Pd, e Lucia Lusenti di Sel.

IL DOCUMENTO VINCI

PREMESSO

Che  mese di giugno 206 scadrà il contratto d’affitto dello stadio Mapei, ex Giglio per l’utilizzo da parte della società A.C. Reggiana:

– che ne consegue la possibilità per la proprietà di aumentare il canone d’affitto;

– che la squadra di calcio cittadina è da sempre simbolo dalla nostra città e di uno spirito di comunità;

–  che lo stadio Mapei è utilizzato anche da altra squadra di calcio, in particolare dal Sassuolo i cui interessi potrebbero, almeno in asgtratto, essere confliggenti con quelli della società Ac Reggiana;

– che al momento dell’avvenuta vendita dello stadio all’asta erano state date da più parti rassicurazioni ai tifosi circa una continuità dell’attività calcistica della Reggiana all’interno dello stadio Tricolore;

– che l’eventuale interruzione dell’utilizzo da parte della Reggiana dello stadio cittadino comporterebbe tra gli altri un grave danno d’immagine per l’intera comunità reggiana;

Il Consiglio comunale impegna

il sindaco e la Giunta a farsi portavoce presso la proprietà e la Reggiana di tali considerazioni al fine di garantire la chiusura tra le parti di un accordo sul rinnovo del contratto d’affitto.

L’ORDINE DEL GIORNO DE FRANCO

Il Consiglio Comunale di Reggio Emilia:

Premesso che:

La A.C. Reggiana è la squadra calcistica storica di Reggio Emilia, nata ufficialmente il 25 settembre 1919 dalla fusione del Reggio Foot-Ball & Cricket Club e Audace Reggio ad opera di Severino Taddei, e nella sua storia ha raggiunto i massimi livelli del calcio italiano partecipando per sette volte ai campionati di massima serie (fra cui 3 volte la Serie A negli anni ’90).

La Reggiana rappresenta un importante patrimonio per l’intera cittadinanza e in quasi 100 anni di storia è entrata a far parte dei simboli che compongono l’identità della nostra città, interessando migliaia di tifosi ogni domenica e centinaia di persone fra dipendenti, dirigenti, ragazzi delle giovanili, staff tecnici, imprese proprietarie e sponsor.

Lo Stadio “Città del Tricolore”, già “Giglio”, fu costruito come primo stadio di proprietà di una società calcistica in Italia, grazie anche a 1026 tifosi della Reggiana che per il suo finanziamento sottoscrissero abbonamenti pluriennali. Fu inaugurato il 15 Aprile 1995 con Reggiana-Juventus e ha ospitato la nazionale italiana di calcio (Italia-Lituania nel 1996), oltre ad altri importanti gare fra cui Italia-Pacific Islanders di rugby nel 2008.

Considerato che:

A seguito del fallimento delle società calcistica e immobiliare proprietarie dello stadio fra il 2005 e il 2006, lo stesso fu messo all’asta dal curatore fallimentare e dopo alcune aste deserte si arrivò nel 2013 all’acquisizione da parte del gruppo Mapei per circa 3.750.000€. A questo atto seguirono dichiarazioni da varie parti, fra cui amministrazione comunale e nuova proprietà, sulla garanzia del proseguimento dell’utilizzo sportivo dello stadio da parte della Reggiana.

La Reggiana, ora guidata dal presidente Stefano Compagni, si trova nella condizione di dover pagare un affitto al gruppo Mapei, per poter giocare nello stadio di casa, di circa 250.000€ annui e il contratto di affitto è in scadenza per Giugno 2016.

Tale cifra è sicuramente più elevata di quanto pagano altre società di pari categoria, e anche categorie superiori, e questo causa sicuramente uno svantaggio competitivo alla Reggiana perché si traduce anche in meno soldi da spendere per l’attività sportiva.

Valutato che:

Sia un’assoluta necessità il rinnovo del contratto di affitto per permettere alla Reggiana di continuare a giocare allo stadio “Città del Tricolore” nei prossimi anni e anzi sarebbe auspicabile uno sconto da parte di Mapei, in considerazione dell’impegno anche economico che la comunità reggiana, innanzi tutto l’amministrazione comunale (polizia municipale, trasporti, ecc.), ha messo e continuerà a mettere in questi anni per permettere il regolare svolgimento delle partite casalinghe del U.S. Sassuolo.

Impegna il Sindaco e la Giunta:

A farsi portavoce di queste istanze presso il tavolo di trattativa fra Mapei e A.C. Reggiana per il rinnovo del contratto di utilizzo dello stadio “Città del Tricolore” per le partite casalinghe della Reggiana.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *