Furti nelle case In manette banda di 5 giorgiani. Rocambolesca operazione della polizia per arrestare “Arsenio Lupin”
Costruivano le chiavi per le serrature di ultima generazione

13/5/2016 – Una banda di cinque georgiani, delinquenti tecnologicamente attrezzati, è finita in manette grazie a un’operazione congiunta della Squadra Mobile di Reggio Emilia e del Reparto prevenzione crimine, che ha anche recuperato il cospicuo bottino di un colpo avvenuto in una casa di via Roncaglio a Bologna.

La banda era sepcializzata nei furti in appartamento, ed era in grado anche di costruire chiavi capaci di aprire anche le serrature di ultima generazione: avevano tutta l’attrezzatura, oltre a modelli di chiavi e relativi cilindri, e anche il necessario per la valutazione gemmologica di diamanti e altri preziosi.

Tutto è cominciato martedì mattina quando gli agenti hanno intercettato nel centro di Reggio un’auto segnalata come sospetta da un cittadino a Rovereto, e via via segnalata da diverse Questure del Nord come il mezzo in uno a tre georgiani con una sfilza di precedenti in materia di reati contro il patrimonio. La Polizia si è messa sulle tracce della macchina seguendola sino a Bologna, dove si ferma in via Roncaglio. Là si avvicinano tre giovani che consegnano una borsa arancione ai due a bordo dell’auto, e se ne vanno.

A quel punto i poliziotti si dividono i compiti: poco più tardi a Bologna fermato i tre che, come si capisce dai biglietti ferroviari in loro possesso, vivono a Reggio: sono Otar Gigiadze di 31 anni, Daviti Lohtadze di 28 e Demuri Igmidava di 26. Hanno con loro degli attrezzi da scasso.

Nel frattempo gli altri agenti continuano a seguire la macchina che rientra a Reggio non in autostrada ma per la via Emilia. A bordo ci sono Giorgi Tchulujhadze di 36 anni e il presunto capobanda, Maruka Arsenidze di 49 anni, soprannominato Arsenio per l’assonanza col cognome che ricorda Arsenio Lupin. Vengono fermati in via Bacone a un posto di blocco che i due cercano di evitare, ma vengono arrestati subito dopo. Alla vista della pattuglia gettano dal finestrino la borsa arancione, che viene subito recuperata: dentro c’è un computer portatile, mentre dall’auto saltano fuori gioielli e camicie.

Ma il grosso di preziosi, orologi e altra refurtiva viene ritrovato nelle abitazioni reggiane dei banditi. Ci sono anche gli attrezzi per costruire le chiavi di serrature teoricamente inviolabili e il necessario per la valutazione dei preziosi. Insomma, dei veri professionisti che riducono i rischi al minimo e non si affidano al primo ricettatore che capita. Dietro, evidentemente, c’è un’organizzazione in grande stile. Vedremo dove arriveranno le indagini.

Intanto il questore Isabella Fusiello esprime soddisfazione per gli arresti: “Dall’inizio dell’anno siamo a quota diciotto arresti di ladri che colpiscono le abitazioni: un reato odioso che colpisce l’intimità delle persone. Siamo soddisfatti anche perchè abbiamo potuto restituire la refurtiva ai legittimi proprietari.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *