Finale europea: Reggio capitale del calcio femminile

26/5/2016 – Per un giorno Reggio Emilia è la capitale del calcio europeo. Dopo un battage durato un anno, oggi pomeriggio alle 18 al Mapei Stadium-Città del Tricolore fischio d’inizio della finale di Champions League femminile, con le tedesche del Wolfsburg e le francesi dell’Olympique Lyonnais che si contendono la Coppa europea: per entrambe sarebbe il terzo titolo continentale. Arbitra l’ungherese Katalin Kulcsàr.

La  finale Champions donne precede di due giorni quella maschile di Milano. Diretta su Eurosport.

 

Coppa Uefa femminile: la coreografia al Mapei Stadium di Reggio Emilia prima della finale Wolfsburg-Lione

Coppa Uefa femminile: la coreografia al Mapei Stadium di Reggio Emilia prima della finale Wolfsburg-Lione

La Coppa d’argento ha concluso il suo tour in città, e ora è al Mapei. Le giocatrici si sono già allenate ieri sul campo del Mapei, mentre è in piena attività al centro sportivo Taddei il villaggio del calcio femminile, il Woman’s Grassroots Festival, che questa mattina ha ospitato le finali del torneo scolastico con la partecipazione di  squadre miste, ragazze e ragazzi fra gli 11 e i 14 anni, di Parma, Bologna , San Marino e naturalmente Reggio Emilia.

Il passaggio delle Frecce Tricolori sopra il Mapei Stadium di Reggio Emilia

Il passaggio delle Frecce Tricolori sopra il Mapei Stadium di Reggio Emilia

Alle 14,30, nella sala convegni del centro internazionale Malaguzzi, si riuniscono 400 arbitri di tutta Italia con Pierluigi Collina, Nicola Rizzoli e Roberto Rosetti.

Il villaggio al Taddei, invece, ospita sino alle 7,30 le scuole calcio e i giovani tifosi che assisteranno alla finale.

Evento nell’evento, la Pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori sorvolerà il Mapei Stadium per salutare la finale prima del fischio d’inizio: il passaggio dei dieci jet del 313° Gruppo addestramento acrobatico è previsto alle 17,50. Nell’intervallo tra primo e secondo tempo, sul campo si esibiranno sbandieratori e musici della “Maestà della Battaglia” di Quattro Castella e i celebri Bandierai degli Uffizi di Firenze.

 

In tribuna sono attesi molti vip della politica, dell’economia e dello spettacolo, in testa le massime autorità dello sport italiano col presidente del Coni Giovanni Malagò e il presidente della Figc Carlo Tavecchio.

E’ la prima volta che l’Italia ospita la finale europea della Champion femminile, e si spera che questa occasione possa sanciare la consacrazione definitiva del calcio femminile nel nostro Paese. Da Reggio Emilia può veramente partire un movimento senza precedenti, e per questo non è stato trascurato alcuno sforzo per riempire il Mapei, a partire dai prezzi popolari. Gli organizzatori sperano di superare le 15 mila presenze.

I botteghini aprono alle 15: biglietti a 10 e 7 euro con sconti per famiglie, gruppi, anziani e studenti.

IlMapei Stadium - Città del Tricolore di Reggio Emilia

IlMapei Stadium – Città del Tricolore di Reggio Emilia

FINALE CHAMPION FEMMINILE: LE SQUADRE IN CAMPO  AL  MAPEI

WULFSBURG

Schult, 4 Fisher, 8 Peter, 24  Wedemeyer, 30 Bussaglia, 28 Gossling, 27 Kershowski, 21 Dickenmann, 3 Jakabfi, 19 Bachmann, 11 Popp.

(in panchina Wullaert, Pajor, Blasse, Wensing, Jensen, Bemauer, Frohms)

ALL. R. Kellermann

OLYMPIQUE LYONNAIS

16 Bouhaddi (porta), 7 Majri, 29 Mbock, 5 Klimagai, 3 Renard, 9 Le Sommer, 12 Thomis,15 Kaci, 23 Abili, 22 Bremer, 14 Hegerberg

(in panchina Schelin, Necib, Petit-franco, Parisset, Cascarino, Tarrieu, Gerard)

ALL. G. Precheur

 

Wolfsburg e Lione si ritrovano in finale dopo quella del 2013, vinta dalla squadra tedesca per 1-0. Entrambe le squadre inseguono il terzo titolo europeo nella sesta finale franco-tedesca in sette anni .

Tre anni dopo la vittoria del Wolfsburg contro il Lione in finale di UEFA Women’s Champions League, le squadre si ritrovano a Reggio Emilia per l’appuntamento decisivo.

Entrambe hanno travolto una connazionale nella semifinale di andata: il Lione ha battuto il Paris Saint-Germain per 7-0, mentre il Wolfsburg ha sconfitto l’FFC Frankfurt campione in carica per 4-0. Tuttavia, la finale si preannuncia equilibrata: cinque delle ultime sei sono state disputate da una squadra francese e una tedesca, senza mai registrare più di due gol.

Il Wolfsburg è privo delle infortunate Caroline Graham Hansen, Julia Simic e Noelle Maritz. Il Lione ritrova invece Claire Lavogez, che sabato ha preso parte all’1-1 contro il Montpellier mentre la maggior parte delle titolari è rimasta a riposo.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *