Boorea: il “soccorso rosso” costa perdite per 2,69 mln. Ma il patrimonio balza a 15 mln

24/5/2016 – La “cooperativa di cooperative” Boorea ( che ora si è estesa a Parma e forse entro l’anno sbarcherà a Piacenza) ha chiuso il bilancio 2015 con una perdita di 2 milioni 690 mila euro: è l’effetto principalmente degli interventi straordinari di solidarietà  per la restituzione parziale dei prestiti persi dai soci delle cooperative finite in liquidazione. In particolare, i 5 milioni impegnati per il “soccorso rosso” alla Cmr di Reggiolo  (azienda di cui il presidente di Boorea Luca Bosi è stato dirigente) e nel 2015 l’acquisto del 40% del credito dei soci cooperatori Orion per 2,11 milioni di euro, coperto solo  per una parte (740 mila euro) dall’aumento di capitale da parte dei soci  Boorea. Un’operazione analoga in questo caso interamente coperta da un aumento di capitale) è avvenuta sempre nel 2015 a favore dei soci della Cooperativa Di Vittorio di Parma.

Luca Bosi

Luca Bosi

Tuttavia, secondo il presidente Bosi, il risultato negativo, non rispecchia l’effettivo miglioramento della situazione patrimoniale: in questo senso, dopo anni difficili, per Boorea il 2015 è stato un anno di svolta.

La dotazione patrimoniale sfiora i 15 milioni di euro, con l’eliminazione di fattori “che avevano generato tensioni sul fronte della liquidità” (casse vuote, ndr.) e l’inversione di tendenza sul fronte dell’equilibrio costi-ricavi. Un risultato reso possibile “sia con l’eliminazione di onerosi leasing immobiliare, sia attraverso la fusione per incorporazione con CSA di Parma”.

“Oggi Boorea – ha dichiarato Bosi – è un punto di riferimento di primo piano per il mondo cooperativo non solo a Reggio Emilia, ma anche per il territorio di Parma e, in un futuro prossimo, probabilmente anche per Piacenza. In Emilia il rinnovamento e il rilancio del modello cooperativo passano, oltre che attraverso l’internazionalizzazione delle imprese, la creazione di nuova cooperazione e la gestione solidaristica delle crisi occupazionali, anche attraverso processi di riorganizzazione e aggregazione, come quello di cui Boorea è protagonista”.
Nel 2015 Boorea ha destinato quasi 150.000 euro al finanziamento di attività di cooperazione internazionale, di promozione della cultura cooperativa e di solidarietà sociale sul territorio. Ciò è stato possibile soprattutto grazie allo sviluppo ulteriore delle iniziative di fundraising, dalle quali nel 2015 è derivato oltre il 50% dei fondi destinati a tali attività, anche attraverso il coinvolgimento delle cooperative associate.
Il bilancio sarà sottoposto domani, mercoledì, all’assemblea dei soci. All’ordine del giorno anche le modifiche statuarie, col limite di due mandati per la presidenza.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *