Affaire Campovolo: “Costa stai sereno , non ci faremo intimidire”
I “querelati” Bellentani e Rubertelli replicano al segretario Pd e rivelano: “Abusi edilizi nell’area”

di Cesare Bellentani e Cinzia Rubertelli*

27/5/2016 – Il giovane segretario provinciale del PD pare sia molto preoccupato dei problemi di immagine che il suo partito sta collezionando sulle cronache nazionali di questi mesi comprese le cronache provinciali come lo scioglimento del Comune di Brescello per infiltrazioni mafiose dato che la Giunta di quel Comune era sostenuta dal suo partito.

E che dire delle non esaustive risposte a puntuali domande formulate dalle opposizioni in Consiglio Comunale di Reggio Emilia?

E delle firme messe su atti pubblici ad insaputa del Presidente della Commissione cui la paternità del documento era attribuita?

Cesare Antonio Bellentani

Cesare Antonio Bellentani

In questo contesto storico non poteva mancare anche la questione del bando gestito dalla società Aeroporto di Reggio Emilia per l’affidamento della cosiddetta area “non operativa” con vittoria conseguita dalla cordata che ha offerto un solo euro in più rispetto al prezzo base.

La stratosferica offerta di un euro in più avrebbe dovuto far riflettere circa la “saggezza” dell’operazione per come complessivamente impostata; ma di dimissioni in casa PD non se ne parlerà mai e poi mai neppure di fronte all’ evidenza.

Assistiamo infatti a una iniziativa volta ad annunciare querela contro coloro che agiscono nel loro mandato di consiglieri comunali e che chiedono alla Procura della Repubblica di fare chiarezza sulla vicenda perché a tanto si confida arriverà la verifica degli organi competenti verifica se tutto quanto sia o meno in regola.

Cinzia Rubertelli

Cinzia Rubertelli

Quindi che cosa teme il segretario provinciale del PD? da quando un’operazione di chiarezza da parte di coloro che hanno uno specifico mandato istituzionale e che seguono le vie legislativamente corrette costituisce un “danno” o un fatto “lesivo”?

Costa dovrebbe invece ringraziare proprio il suo capogruppo Capelli che invitò la minoranza in Consiglio Comunale ad investire la Procura della questione.

Il giovane Costa sostiene che non si possono fare illazioni sulla loro correttezza: dimentica che non si sono fatte illazioni ma si è esercitato il mandato di consiglieri comunali e si è chiesto chiarezza sui fatti storici innegabili e documentati.

Chiarezza non ci pare sia sinonimo di “illazione”.

E che dire degli abusi edilizi rilevati nel 2002 proprio nell’area non operativa area utilizzata sappiamo benissimo da chi?

Se si vogliono elencare le questioni aperte nel governo di questa città non ci sono problemi in quanto le stesse saranno analiticamente snocciolate giorno per giorno a partire dai ritardi spaventosi (oltre che dannosi) per la città e i suoi operatori economici collegati alla mancata consegna di Piazza della Vittoria in tempi confacenti con gli impegni a suo tempo “stipulati” con tanto di atti notarili.

Andrea Costa accanto a Renzi

Andrea Costa accanto a Renzi

Stia “sereno” il segretario Costa perché il suo annuncio vale solo a dare ulteriore “birra” alla nostra iniziativa.

A noi è ben chiaro che l’Unione Sovietica non esiste più da un quarto di secolo quindi agiamo da liberi cittadini italiani da sempre.

*Consiglieri comunali di Alleanza Civica Reggio Emilia

 

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Affaire Campovolo: “Costa stai sereno , non ci faremo intimidire”
I “querelati” Bellentani e Rubertelli replicano al segretario Pd e rivelano: “Abusi edilizi nell’area”

  1. nadia Rispondi

    27/05/2016 alle 22:59

    E speriamo che il PD prenda una dovuta strigliata

  2. I 'querelini' Rispondi

    28/05/2016 alle 09:51

    La ‘querela eolica’ è quantomeno un affare sporco..
    Squallido senza ombra di dubbio.
    Suona come un ruttino in faccia alla libera espressione..
    E la democrazia ? La tolleranza ?
    Compratevi una bella scatola di soldatini (allineati).
    Mangiate meno ciccioli : il grasso occlude le arterie.
    🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *