Vetri luminescenti per la fisica di frontiera
Nuovo progetto tra Unimore e Fermilab di Chicago

21/4/2016 – Vetri ad alta densità e con proprietà luminescenti, che contengono metalli pesanti e terre rare, saranno l’oggetto della collaborazione tra il Dipartimento di Ingegneria di Modena “Enzo Ferrari” – DIEF di UnimoreUniversità degli Studi di Modena e Reggi Emilia ed il Fermilab di Chicago (USA).

 Questi vetri “speciali”, progettati e sperimentati dal gruppo di ricerca di Unimore, coordinato dalla prof.ssa Cristina Siligardi, trovano applicazione nei rilevatori di particelle di nuova generazione quali i calorimetri dual-readout e portano il DIEF ed il  Fermilab a proseguire la collaborazione nell’ambito di un nuovo progetto denominato REDTOP.

 REDTOP, che si propone di studiare processi fisici, mai osservati finora e che potrebbero contribuire alla comprensione delle leggi che regolano l’Universo, intende utilizzare i vetri  “speciali” nella costruzione di un apparato sperimentale.

Il Fermilab di Chicago

Il Fermilab di Chicago

. “Per discriminare i segnali provenienti da processi estremamente rari dal fondo, generato da processi fisici già noti, – spiega la prof.ssa Cristina Siligardi di Unimore – è necessario lo sviluppo di un calorimetro cosiddetto a doppia lettura (dual-readout). Quest’ultimo deve essere sufficientemente denso per fermare la radiazione da studiare e al tempo stesso deve generare luce quando è presente tale radiazione. I normali cristalli, peraltro estremamente costosi, non sono adeguati per questo compito. Invece, i vetri studiati dal nostro gruppo di ricerca sono ottimizzati proprio per la costruzione di un calorimetro a doppia lettura.

 La collaborazione tra il gruppo di ricerca sui sistemi vetrosi del Dipartimento di Ingegneria di Unimore (DIEF)  ed il Fermilab di Chicago, grazie al supporto dell’INFN – Istituto di Fisica Nucleare, è una realtà consolidata dal 2011 grazie alla partecipazione all’interno del progetto T1015-TWICE-Techniques for Wide-range Instrumentation in Calorimetry Experiments nel quale il gruppo Unimore ha progettato e sviluppato i vetri ad alta densità.

 Il gruppo di ricerca è coordinato dalla prof.ssa Cristina Siligardi, professoressa associata e docente del corso di laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali e laurea triennale in Ingegneria Civile e dalle collaboratrici, e vi operano l’ing. Consuelo Mugoni e l’ing. Silvia Barbi, laureate entrambe a Modena in Ingegneria dei Materiali.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *