Intercettazioni choc: “Usciranno le foto di Delrio con i mafiosi”
Un dossier a Walter Pastena: “I carabinieri mi hanno fatto un regalo…”

di Pierluigi Ghiggini

7/4/2016 – Attacco al ministro Delrio, ex sindaco di Reggio Emilia, per i suoi rapporti con gli imprenditori cutresi. Qualcosa di simile a un dossier di foto e documenti  circola a livello di governo nella guerra interna al Pd e ai massimi livelli dell’esecutivo, ed esplode insieme al caso del centro Total di Tempa Rossa, in Basilicata.

Lo rivelano il Corriere della Sera e altri quotidiani, che pubblicano parti di una conversazione telefonica, intercettata dalla magistratura, del 29 gennaio 2015 tra Gianluca Gemelli, compagno o ex compagno dell’ex ministro Federica Guidi, e Walter Pastena, già funzionario della
Ragioneria generale dello Stato e poi consulente allo Sviluppo economico, collaboratore di Federica Guidi. Pastena afferma che “usciranno le fotografie di Delrio con i mafiosi”.

2009, Graziano Delrio col costruttore Antonio Rizzo a Cutro. La foto fu pubblicata alla vigilia delle elezioni comunali sul Sole 24 Ore, in una pagina a pagamento

2009, Graziano Delrio col costruttore Antonio Rizzo a Cutro. La foto fu pubblicata alla vigilia
delle elezioni comunali sul Sole 24 Ore, in una pagina a pagamento

Nella telefonata -annotano gli investigatori – “Gemelli e Pastena commentano inizialmente la possibile nomina a presidente della Repubblica di Mattarella”

Gemelli – scrive il Corriere della Sera – “domanda se all’esito di tutto ci sarà un rimpasto pesante e se si faccia già il nome di Federica (Guidi). Pastena dice che l’intenzione è quella di fare un’unica infornata delle persone che non sono sottomesse a Renzi”.  La conversazione continua su interessi personali, fino – appunto –  a svelare l’esistenza di un dossier con foto contro Delrio.

 Gemelli: Io vengo mercoledì e sto fino a venerdì, giovedì, venerdì, quindi problemi non ce n’è però dobbiamo organizzare in fretta quella cosa!

Pastena: allora ci organizziamo…intanto la andiamo a trovare… io ti devo parlare da vicino, molto da vicino… addirittura ti puoi togliere pure qualche sfizio… ma serio ti puoi togliere qualche sfizio..eh? Tieni conto che i Carabinieri prima che tu venissi là, sono venuti a portarmi il regalo in ufficio, perché tu non stai attento”.

Delrio con  sindaci e personalità del Crotonese sotto il Crocefisso di Cutro, 2009

Delrio con sindaci e personalità del Crotonese sotto il Crocefisso di Cutro, 2009

In cosa consista il regalo dei Carabinieri, lo si capisce subito dopo: “Hai visto il caso di Reggio Emilia? Finito sto casino usciranno le foto di Delrio Cutro con i mafiosi… Tu non ti ricordi quello che io ti dissi, che c’era un’indagine, quelli che hanno arrestato a Mantova, a Reggio Emilia, i Cutresi, quelli della ‘ndrangheta no, te l’ho detto, perché chi ha fatto le indagine è il mio migliore amico, e adesso ci stanno le foto di Delrio con questi”.

Campagna elettorale del 2009, Delrio sindaco di Reggio Emilia a Cutro insieme al collega locale

Campagna elettorale del 2009, Delrio sindaco di Reggio Emilia a Cutro insieme al collega locale

La telefonata (il resoconto è stato corretto su coriere.it) avviene il giorno  prima dell’operazione Aemilia condotta dalla Dda contro la ndrangheta di Reggio Emilia, che il mattino del 28 gennaio 2015 portò ad oltre 100 arresti e ora si è tradotta nel più grande processo mai intentato contro le mafie al Nord.

Pastena dice di esser al corrente della maxi indagine “perchè chi ha fatto le indagini è il mio migliore amico” e che l’inchiesta sarebbe deflagrata anche su ministro ex sindaco di Reggio: “Adesso ci stanno le foto di Delrio con questi”, cioè i mafiosi di Cutro.

Le foto di Delrio a Cutro (una in particolare pubblicata dal Sole 24 ore alla vigilia delle elezioni del 2009) sono state pubblicate più più volte, come del resto il verbale del suo imbarazzato interrogatorio alla Dda. Ma Delrio non è stato coinvolto nell’inchiesta, almeno per il momento. La domanda sorge spontanea: esistono altre foto scottanti per il ministro reggiano che sono rimaste nel cassetto? Esiste un filone d’inchiesta parallelo ancora riservato?

 

 

 

 

 

 

 

Be Sociable, Share!

8 risposte a Intercettazioni choc: “Usciranno le foto di Delrio con i mafiosi”
Un dossier a Walter Pastena: “I carabinieri mi hanno fatto un regalo…”

  1. Mario Guidetti Rispondi

    07/04/2016 alle 11:18

    Faccio outing: dal 1985 consigliere Circoscrizione III e presidente dal 1995 al 1999, portai in Consiglio le problematiche di via Dalmazia e del Circolo che in loco operava. Parlammo con i referenti del Circolo ed assieme individuammo un percorso, condiviso dal Consiglio di Circoscrizione, dal Comune e dai cittadini per risolvere i problemi del traffico, degli “ambulanti” che ivi vi stazionavano…- tutti furono e credo lo siano tutt’ora, contenti degli interventi fatti. Allo Zandonai, si proposta del Circolo, si fecero le Feste popolari che vedevano la numerosissima partecipazione della comunità cutrese ed alle quali partecipò il Sindaco di Cutro – In tali occasioni era un dovere/piacere portare il saluto della Circoscrizione così come lo si portava a tutte le iniziative sul territorio. Probabilmente vi saranno foto di tali eventi – Rilevo che è partita la campagna “foto fango” – Sarei presuntuoso se pensassi di essere talmente importante da vedere pubblicate mie foto in compagnia di cutresi – in tal caso non me ne potrebbe importare di meno perchè “male non fare, paura non avere” – Credo che gli stessi convincimenti li abbiano Graziano Delrio e Luca Vecchi perchè, fino a prova contraria (ed io credo sia così), anche loro “male non hanno mai fatto”

    • Fausto Poli Taneto Rispondi

      07/04/2016 alle 14:51

      Si’ in effetti si puo’ presumere un reato. ma bisogna averne le prove. Le foto ? L’avvocato consigelra’ sempre di dire che eri li’ per caso. Quindi di che dolersi ? O avete tanta coda di paglia ?

      I pentiti stanno aiutando gli inquirenti. La stampa riporta gli atti giudiziari “pubblici”, ma poi le prove ?

      Io avrei gia’ fatto sciogliere il Comune di Reggio Emilia per mafia. Come quando si e’ dimesso il Sindaco Coffrini.

      Ma sul costruito, sulle fatture gonfiate, sui rapporti stretti tra andranghetisti e assessori ? Gli accordi alla nota pizzeria di Villa Cade’ Antichi Sapori ? Ok le lobbyes per entrare con le Aziende per fare lavori edili, ok mi sta bene tutto, ma poi se c’e’ un processo, tanti sono in galera o ai domiciliari, e’ chiaro che gli inquirenti stanno facendo il loro dovere. Mi pare che non sI POSSA SDOGANARE LA MALAVITA ORGANIZZATA. QUELLA E’ E QUELLA RIMANE ! Da 30 anni c’e’ questa storia sotto gli occhi di tutti. Solo per dire: quella maledetta piscina/parkeggio in centro a Reggio, ma…. e poi la discarica di Poiatica, la Ditta Bacchi, e’ un coinvolgimento trasversale. Addirittura Prodi fotografato all’assemblea di Hera con Ciancimino junior. ma dove finisce la decenza politica ? direi che non esiste decenza politica in Italia.

      • nadia Rispondi

        07/04/2016 alle 22:04

        Concordo su tutto

  2. Ivaldo Casali Rispondi

    07/04/2016 alle 14:04

    Sei così certo di quanto affermi nell’ultimo paragrafo!!! Sei ancora convinto che chi appartiene alla sinistra, in particolare, a quella cattocomunista, sia un santo illibato!!!!!!!!!!!!!

  3. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    07/04/2016 alle 20:03

    Guidetti Guidetti, dum excusare credis, accusas.(“mentre credi di scusarti, ti accusi”) Non lo dico io ma San Girolamo, Padre e dottore della Chiesa, epistola 4.
    Ora a parte la mia battuta, vorrei informarti che oltre un anno fa era visibile in rete un filmato, di qualità professionale, con audio, nel quale si vedeva Graziano Delrio ad una cena elettorale in Calabria. Al centro di una bella tavolata, alla sua destra un signore che si rivelerà essere lo sponsor della riunione conviviale.
    Ringraziato ad alta voce dalla nipote, (candidata e assessore PD in un comune vicino) che lo presenta come colui che ha “gentilmente offerto” la serata in onore di Delrio.
    Lo stesso Graziano prende subito la parola e ringrazia a sua volta con affettuose parole l’anfitrione, per l’ospitalità della bella terra di Calabria ecc. ecc.
    Il signore, di cui non faccio il nome, risultò essere il capo di una potente ‘ndrina, mi pare di ricordare di quella che controlla Gioia Tauro. (devo spiegare ulteriormente, mettere i sottotitoli, eh?)
    Purtroppo prima che pensassi di fare il download del filmato (di proprietà di una Tivù locale) lo stesso improvvisamente sparì. (Lo sequestrarono i carabinieri per ordine della Procura di Catanzaro? mah.)
    Come ebbi l’occasione di vederlo io, penso lo videro in molti. Molti che credettero opportuno tacere, anche al Presidente Sergio Mattarella, in occasione della nomina di Delrio al Ministero delle infrastrutture, (ex Ministero dei Lavori Pubblici).
    In Italia esistono diversi servizi segreti, AISE AISI, DIS(Dipartimento delle informazioni per la sicurezza) ecc. ma nessuno di questi ha informato il presidente Mattarella delle gravi problematiche relative alla nomina a ministro della repubblica né di Graziano Delrio, né di Federica Guidi.
    La domanda che un comune cittadino, come il sottoscritto, si pone è questa: perché?
    Se qualcuno vuole rispondermi, anche a livello istituzionale (carabinieri, Procura della repubblica ecc.), sarei felice di leggere i motivi …
    Saluti dall’Appennino reggiano,
    Alessandro Raniero Davoli

    • Dagli Appennini alle Alpi Rispondi

      08/04/2016 alle 08:37

      Assolutamente impeccabile Signor Raniero Davoli.
      Evidentemente prendendo le dovute distanze dalle ‘maialare’ della pianura (l’epocale magna magna all’ingrasso per capirci..)l’orizzonte mentale ne guadagna e la visione appare lucida e chiara nella sua VERITA’ NUDA.
      Ma forse lei avrà capito ancor meglio di me che questo tipo di visione è adatta a noi eremiti delle montagne 🙂
      Un empatico saluto, con ammirazione.

      Leonora

  4. Albun di Famigghia Rispondi

    07/04/2016 alle 21:56

    :))

    :((

  5. Album di Famigghia Rispondi

    07/04/2016 alle 21:57

    AlbuMMMM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *