Studente dello Zanelli ricoverato per meningite : “E’ in buone condizioni”
Compagni di classe, insegnanti e bidelli sotto profilassi antibiotica

21/4/2016 – La Direzione del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl informa che tra gli studenti frequentanti l’Istituto Zanelli di Reggio Emilia si è verificato un caso accertato di meningite da meningococco. Le condizione dello studente, attualmente ricoverato all’Ospedale di Montecchio Emilia, sono buone.

Per prevenire efficacemente la malattia, i compagni di classe, gli insegnanti e gli operatori scolastici che rientrano tra i contatti stretti con l’ammalato sono stati convocati dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica per oggi pomeriggio, giovedì 21 aprile per assumere, a scopo cautelativo, la profilassi antibiotica.

Nei prossimi giorni il Servizio attuerà la sorveglianza sanitaria prevista presso la scuola e gli altri contatti individuati.

Si precisa che il sierogruppo di meningococco che ha causato la malattia è diverso da quello responsabile dei  casi che si sono verificati nei mesi scorsi in Toscana.

_____________________________

La meningite meningococcica

La meningite meningococcica (Neisseria meningitidis) può essere contagiosa.

La trasmissione della malattia avviene con l’emissione di goccioline di saliva che si emettono parlando, starnutendo, tossendo e pertanto sono a rischio di contagio le persone che hanno avuto contatto stretto ( a distanza inferiore a 1 metro ) e prolungato con l’ammalato nei 7 giorni precedenti la malattia.

Il periodo di incubazione varia da 2 a 10 giorni, di solito 3-4 giorni raramente può essere più prolungato. Si consiglia comunque nelle 4 settimane successive all’ultimo contatto con il malato di porre attenzione alla comparsa di febbre accompagnata da cefalea, rigidità nucale, nausea, vomito a getto, e, spesso, esantema con macule rosacee: in questo caso è necessario rivolgersi al proprio medico curante o al Pronto Soccorso, riferendo che si è stati a contatto con un caso di meningite.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *