Perde la testa e palpeggia la barista : si prende una gomitata e una denuncia di tentata violenza

7/4/2016 – Non solo caffè e brioche: da alcuni giorni frequentava quel bar soprattutto per corteggiare la barista. Ma le sue intenzioni sono straripate ieri  mattina quando, all’apertura del bar, approfittando del fatto  non vi erano altri clienti, ha preso alle spalle la ragazza cercando di palpeggiarla nelle le parti intime.

Le urla della donna, che con una gomitata è riuscita a divincolarsi dalla presa, hanno fatto desistere il maiale mattutino, che è scappato. Quindi l’allarme ai Carabinieri di San Polo d’Enza che sono rapidamente risaliti all’uomo il quale, convocato in caserma, si è mostrato contrito per il grave atto compiuto: “Non so cosa mi sia capitato, non sono riuscito a trattenermi”.

Con l’accusa di tentata violenza sessuale i Carabinieri della Stazione di San Polo d’Enza hanno denunciato alla Procura reggiana un 30enne della provincia di Parma. L’uomo, peraltro sposato, da qualche giorno frequentava un bar della zona perchè si era invaghito della barista, una bella ragazza poco più che ventenne. Prendeva sempre il caffè lasciandosi andare a qualche complimento verso la giovane. L’altra mattina è andato però ben oltre: presentatosi al bar all’apertura, dopo aver ordinato il solito caffè, ha preso alle spalle la donna cercando di palparle . La reazione della barista è stata immediata: ha sferrato una gomitata all’uomo e si è messa a urlare. A quel punto il molestatore è fuggito dolorante. I Carabinieri, partendo da un numero di telefono che l’uomo aveva lasciato al titolare  in caso di bisogno bisogno di lavori edili, sono rapidamente risaliti all’indagato, che è stato riconosciuto dalla vittima.

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Già che c'era.. Rispondi

    08/04/2016 alle 08:53

    La barista poteva essere più generosa col maiale : infliggergli un bel calcione nelle palline (sarà minidotato). Del resto ci sono situazioni in cui proprio non si può ne ci si deve trattenere.
    O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *