Pagliani al sindaco Vecchi: “Hai perso la testa, dimettiti e chiedi scusa ai reggiani”

DI GIUSEPPE PAGLIANI*

26/4/2016 – “Ciò che ho letto riguardo ai comunicati inviati dal Sindaco Vecchi e dal Presidente della Provincia Manghi dopo la mia piena assoluzione rappresenta limpidamente la qualità di chi governa questo territorio, uomini politicamente piccoli, invidiosi e guidati dall’odio verso i propri avversari; Vecchi e Manghi hanno perso l’ennesima occasione per stare zitti.

Giuseppe Pagliani in casa dopo l'assoluzione

Giuseppe Pagliani in casa dopo l’assoluzione

Manghi politicamente pare schizofrenico ed inopportuno, appena uscita la sentenza afferma con forza che Aemilia esclude qualsiasi coinvolgimento della politica per poi la sera stessa firmare un comunicato di tono perfettamente opposto, facendo una figura meschina.

 

Più grave però è l’esternazione del Sindaco Vecchi, il quale ha perso la testa: io non ho mai avuto nessuna frequentazione con gente poco raccomandabile, ho solo avuto la sventura di ritrovarli ad un evento pubblico, senza sapere chi fossero. Lui dovrebbe invece chiarire perché per un anno ha taciuto alla comunità reggiana il fatto di avere comprato la casa e dunque dato dei denari a persone considerate, in seguito secondo l’indagine, vicine ai clan malavitosi. Per ultimo accenniamo al capitolo relativo alla moglie, senza aprirlo; se solo una frazione delle cose apparse sui giornali si dimostrassero vere allora il Sindaco Vecchi dovrebbe lui dimettersi e chiedere scusa ai reggiani per averli presi in giro”.

*capogruppo di Forza Italia al comune di Reggio Emilia e di Terre Reggiane

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. itala mastronardi Rispondi

    26/04/2016 alle 16:25

    ESIMIO AVV. PAGLIANI SONO PIENAMENTE D’ACCORDO CON LEI. DI LEI NON SOLO IO , MA TANTI NON HANNO MAI DUBITATO!! AUGURI PER IL SUO PICCOLO LEONARDO! ALMENO LA PATERNITA’ LA RICOMPENSERA’ DELLA CATTIVERIAE DELL’INVIDIA, NONCHE’ DELL’ODIO DI CERTI PERSONAGGI ! AUGURI !
    ITALA MASTRONARDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *