Il Cammino del perdono a Canossa con Parrillo e la psicoterapeuta Cinzia Sgarbi
Salire con l’anima in sette tappe sino alla Rocca

16/4/2016 – Domenica 17 aprile alle ore 15, nel palcoscenico naturale Castello di Canossa, che nelle passate edizioni ha visto avvicendarsi artisti diversi, va in scena la terza edizione de “Il Cammino del Perdono”, spettacolo itinerante esperienziale ideato dall’attore e regista Gabriele Parrillo.

Il castello di Canossa

Il castello di Canossa

Dopo il vescovo Massimo Camisasca, l’attore giapponese Yamanouchi e quello di origini nigeriane Ihemè Caroli, la prestigiosa voce del doppiaggio italiano Marco Mete, i funambolici parkouristi dell’Urban Freedom, ospite di questa edizione sarà la psicologa e psicoterapeuta Cinzia Sgarbi. Come ogni ospite ha lasciato la sua traccia, anche la Sgarbi proporrà le sue riflessioni sul tema del perdono, quale cammino interiore in grado di attraversare la rabbia per giungere alla comprensione e passare così dal dolore all’apprendimento, per arrivare ad affermare l’incommensurabile potere riparativo legato alla capacità di perdonare.

Gabriele Parrillo

Gabriele Parrillo

 

L’intervento della psicologa e psicoterapeuta concluderà lo spettacolo itinerante, nel momento conviviale che accoglie il pubblico, dopo l’ascesa alla rocca in sette tappe, durante le quali Gabriele Parrillo – maestro di voce naturale secondo il metodo Linklater e attore che collabora con i nomi più significativi del teatro italiano –  interpreterà  grandi classici legati al tema del perdono e del pentimento, sottolineati dall’espressività corporea del danzatore di origini indiane Ambrose Laudani.

Il teatro, la grande letteratura, la prosa e la poesia, la danza e la fotografia si fonderanno quindi nel magnifico scenario del territorio di Canossa per coinvolgere gli spettatori-camminatori in quello che vuole essere non solo uno spettacolo ma anche una possibile esperienza di cambiamento interiore.

Un percorso nel segno dell’arte e della cultura le cui edizioni precedenti hanno già lasciato molte tracce in parole e immagini. Queste ultime raccolte dal fotografo cavriaghese Antonio Melioli che con la poesia del bianco e nero restituisce il senso profondo del percorso intrapreso verso Canossa – e verso il perdono – e che, insieme alle fotografie a colori di Marco Mete e Flavio Bocchi, compongono una mostra allestita nei suggestivi locali dell’Associazione “Andare a Canossa”, dove si tiene il momento finale d’incontro del Cammino, ai piedi della Rocca.

Linguaggi diversi si incontrano e dialogano in uno scenario mozzafiato che nel salire si apre a nuovi scorci paesaggistici naturali e dell’anima.

Il Cammino del Perdono 2015

Il Cammino del Perdono 2015

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *