Casina come Roma
Salta l’accordo nel centro-destra, Forza Italia sostiene la lista civica. Bizzocchi inferocito

29/4/2016 – I segni della “rivoluzione copernicana” col ritorno al centro  di Forza Italia, cominciata con la decisione di sostenere la candidatura di Marchini a Roma, si avvertono già nel reggiano.

Il patto del centro-destra per Casina (se c’era, e su questo si nutrono dubbi) è saltato. Forza Italia si sgancia dalla lista “Liberiamo casina”, in cui il coordinatore di Fratelli d’Italia Aldolfo Bizzocchi sembra proporsi come candidato sindaco,  per sostenere la lista su cui hanno deciso di candidarsi due dei consigliere uscenti, Maria Alberta Ferrari e Maurizio Cineroli. La reazione di Fratelli d’Italia è rabbiosa: in un comunicato, il coordinatore provinciale Alberto Bizzocchi scrive: “Dobbiamo constatare con amarezza e stupore che si è formato un asse politico “Pagliani-Filippi e che le speranze di vedere un’alleanza, nel territorio reggiano, di tutte le forze di centro-destra sono da riporre definitivamente nel “cassetto”. Forza Italia – aggiunge – non ha più un’identità chiara di centro-destra perché, semplicemente, non ha più un’identità”.

La replica di Pagliani non si è fatta attendere: “A Casina il centrodestra ha avuto un gruppo che in questi anni ha lavorato molto bene sul territorio – spiega in un comunicato diffuso prima di partire per roma, dove ieri sera ha partecipato a Virus su RaiDue-  I consiglieri comunali uscenti Davide Morani, Maria Alberta Ferrari, Paolo Tosi e Maurizio Cineroli hanno rappresentato con grande serietà una alternativa costruttiva e valida per iL territorio montano, pertanto se gli stessi hanno intrapreso un percorso civico è giusto dare seguito alle loro volontà, due di loro Maria Alberta Ferrari e Maurizio Cineroli si ricandideranno nella nuova lista civica. Io penso – aggiunge –  che a livello amministrativo locale vadano premiati i consiglieri locali che da anni portano innanzi le nostre istanze. Il sindaco politicamente “sbiadito” Rinaldi ha mal governato quel territorio, bene allargare il consenso a tanti cittadini, provenienti da esperienze politiche diverse che hanno deciso di rappresentare una alternativa alla sinistra locale”. e conclude “Non c’entra nulla Filippi in questo accordo, io non lo sento da oltre un anno e non ha nessun ruolo od interazione con questa lista civica”.

Fratelli d’Italia e Lega Nord andranno comunque avanti per la loro strada con la lista “Liberiamo Casina”. Il terremoto sistrenerà  agli altri comuni chiamati al voto? Per Bizzocchi “Forza Italia ha ancora una volta disatteso un patto elettorale e politico (avvenne così anche lo scorso anno) che era stato sancito recentemente tra la stessa Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia-A.N. Si era, altresì, concordato l’appoggio  unitario alle liste civiche appartenenti alla nostra area politica in lizza a Ventasso, Casina e S. Martino in Rio. Il patto prevedeva, inoltre, l’organizzazione, da parte dei tre partiti, di una “Festa del Centro-destra reggiano” di fatto messa in crisi dalla retromarcia del partito azzurro. Fratelli d’Italia-A.N. e Lega Nord continueranno, in ogni caso, insieme la propria “battaglia” elettorale attraverso la sfida lanciata alla sinistra con la lista “Liberiamo Casina” che avrà i simboli dei due partiti alleati, nonché con l’appoggio alle liste civiche di centro-destra che si presenteranno a Ventasso, S.Martino in Rio e Castellarano”.

Secondo Pagliani, però, Bizzocchi non la racconta giusta: “E’ falsa anche la comunicazione riferita da Bizzocchi, il quale pretende di candidare se stesso a Casina, cercando di trovare una sistemazione amministrativa dopo essere stato trombato elettoralmente nel suo comune a Canossa. Non credo – aggiunge il capogruppo azzurro – nei paracadutati candidati a sindaco da comuni confinanti. Bizzocchi può benissimo candidarsi in lista, senza pretendere “favori” immeritati. Le imposizioni dalle segreterie provinciali in politica, a livello locale, sono finite, oggi il mondo è cambiato e chiunque se ne deve rendere conto”.

La decisione degli azzurri ha spiazzato anche la Lega Nord”molto contrariata dalla rottura del patto di alleanza relativamente a Casina” . Anche il commissario Matteo Melato addossa la responsabilità a Pagliani  per una scelta “che denota la volontà di Forza Italia di proseguire sulla linea di mantenere lo status quo e fare da stampella al PD, continuando, insieme a Filippi, questa politica di finta opposizione al Partito Democratico.  Nel corso degli incontri tra le forze del centro destra era sorta l’esigenza di cambiare passo su Casina dove nel corso di questi anni Filippi non ha mai fatto una vera opposizione alla Giunta PD. L’intento di Lega Nord e FdI è quello di proseguire su questa linea per fare una chiara e netta battaglia alle politiche del PD su Casina e dare un’alternativa credibile ai cittadini”.

Ma non è finita qui. Scende  in campo anche la responsabile dei giovani di Forza Italia, Elena Diacci: la ricostruzione dei fatti operata da Bizzocchi – afferma – non corrisponde assolutamente alla realtà e ha purtroppo l’unico effetto di rendere più difficile l’unità delle forze di centro-destra. Personalmente reputo inaccettabile da parte di un esponente di un partito, peraltro alleato, esprimere considerazioni sulle dinamiche interne di un altro soggetto politico.Bizzocchi – aggiunge Diacci – dovrebbe pensare a lavorare nel suo Comune visti i risultati elettorali da lui ottenuti:  è chiaro che l’ ex Consigliere di Canossa cerchi nuovamente una sistemazione amministrativa”.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *