Spara alla compagna, poi si uccide
Omicidio-suicidio in una casa di Piagnolo di Vetto
Erano distesi sul letto, li hanno trovati dopo parecchi giorni

10/4/2016 – Ha ucciso la sua compagna, poi ha rivolto la pistola contro di sè. Uno spettacolo terribile si è presentato ieri sera agli occhi dei Carabinieri intervenuti in una casa di frazione Piagnolo, in comune di Vetto: Giovanni Amedeo Cavecchi di 63 anni e la sua compagna ucraina Lidiya Kyrylenko di 55 erano distesi sul letto, morti, uno accanto all’altro. Il contesto e la prima ricostruzione dei fatti operata dai militari di Castelnovo Monti fanno propendere per una tragedia famigliare, un omicidio-suicidio. anche se naturalmente solo alla conclusione delle indagini, dopo le analisi scientifiche sei reperti, si potrà stabilire con assoluta certezza che non si è trattato di un duplice omicidio.

I Carabinieri nella casa della tragedia, a Pignolo di Vetto

I Carabinieri nella casa della tragedia, a Pignolo di Vetto

La macabra scoperta dopo l’allarme lanciato da alcuni amici della coppia, che da giorni non avevano più notizie di loro. Purtroppo i sospetti peggiori si sono rivelati fondati. Solo posto per coordinare le indagini, con il capitano della Compagni di Castelnovo Monti, Dario Campanella, anche il comandante provinciale dei Carabinieri Antonino Buda.

 

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *