Tampona un’auto e fugge senza prestare soccorso: rintracciato e denunciato dalla Municipale

4/3/2016 – Tampona un’automobile ferma in prossimità delle strisce pedonali e fugge senza prestare soccorso: rintracciato dagli agenti della Polizia municipale, l’uomo, un cittadino georgiano di ventidue anni, è stato denunciato per omissione di soccorso. Gli è andata bene che l’altro conducente non ha subito lesioni (almeno in apparenza) perchè con la legge sull’omicidio stradale appena entrata in vigore la pena sarebbe stata molto pesante.

L’incidente si è verificato nella prima mattinata di mercoledì 24 febbraio, in via Martiri della Bettola. Erano le 6.30 quando l’uomo, al volante di una Suzuki, ha tamponato una Peugeot 206 condotta da un’ucraina di 61 anni, che si era fermata in prossimità delle strisce per far attraversare un pedone.

Nonostante l’urto violento, l’automobilista è fuggito senza sincerarsi dello stato di salute delle persone coinvolte nell’incidente: alla 61enne e il pedone, che però non aveva subito altro che un certo spavento.

Il conducente è stato però rintracciato, grazie alle informazioni raccolte dagli agenti della Polizia municipale, giunti sul luogo dell’incidente per i rilievi, e fornite loro dalla stessa donna alla guida della Peugeot, trasportata poi al Pronto soccorso del Santa Maria Nuova, e dal pedone, il quale era riuscito anche ad annotare marca, modello e parte del numero di targa del veicolo in fuga.

 In pochi giorni, grazie alla collaborazione della Polizia municipale di Quattro Castella, gli agenti reggiani hanno rintracciato il proprietario del veicolo, un cittadino residente nel comune matildico, la cui vettura risultava danneggiata nella parte anteriore.

 L’automobilista, vistosi scoperto, si è presentato lo scorso lunedì negli uffici del Comando della Polizia municipale di Reggio Emilia per raccontare la sua versione dei fatti, ammettendo di essere fuggito dal luogo dell’incidente per timore di ripercussioni sulla patente appena riconquistata, dopo una sospensione per guida in stato di ebrezza.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *