Minacce islamiste alla giornalista Benedetta Salsi: Facebook ignora l’ordine del giudice e non oscura la bacheca del Musulmani d’Italia

24/3/2016 – In questi giorni, dopo l’apocalisse di Bruxelles, non c’è giornale e telegiornale  cui non si parli di monitorare i social network dove si annidano le minacce di terroristi ed estremisti islamici. Ma sono fondamentalmente parole al vento:  lo dimostra il Caso di Benedetta Salsi,  la giornalista del Carlino Reggio minacciata e pesantemente diffamata sulla bacheca “Musulmani d’Italia” dopo aver scritto un articolo sulle stringenti misure cautelari a cui è sottoposto il reggiano Luca Aleotti (come non uscire di sera e non allontanarsi dalla città) convertito all’Islam e indagato per apologia di reato con l’aggravante del terrorismo.

L’8 Marzo il giudice di Reggio Emilia Angela Baraldi aveva emesso un decreto per l’oscuramento della pagina Musulmani d’Italia (dove fra l’altro Aleotti è risultato come amministratore). Questa mattina, nel corso di un incontro di formazione dei giornalisti dedicato al  Processo Aemilia e all’informazione al servizio della legalità, Benedetta Salsi ha rivelato che Facebook a distanza di oltre due settimane non ha ancora provveduto a oscurare il sito, nonostante ben quattro richiami del giudice.

“La direzione italiana di Facebook ha detto che provvederà, però sinora non ha provveduto. A me invece  hanno risposto chiaro e tondo che in quanto personaggio pubblico non posso aspirare alla stessa tutela di una qualsiasi altra persona”. In sostanza, Facebook non interviene nemmeno di fronte a un provvedimento del giudice. L’associazione stampa dell’Emilia-Romagna e l’Ordine dei giornalisti hanno espresso indignazione per l’accaduto: “Luca Aleotti non può andare a fare proselitismo alla sera in piazza, in compenso può continuare a farlo e a minacciare gli “infedeli” nella piazza virtuale: ciò è inconcepibile”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. full Rispondi

    24/03/2016 alle 16:27

    Viviamo in un mondo alla rovescia, dove godono di ogni diritto e impunità gli esseri più abietti e vigliacchi che si siano mai visti in Europa dall’epoca del nazifascismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *