Iren vende a Bt Italia la rete in fibra ottica dell’Emilia-Romagna e incassa subito 3,9 milioni

22/3/2016 – Per fare cassa il gruppo Iren vende la rete  Tlc in Emilia Romagna. La multiutility, attraverso la nuova controllata IRETI che gestisce i settori acqua, gas , teleriscaldamento ed energia elettrica, ha stipulato un accordo con BT Italia (British telecom)  che prevede la cessione di un ramo di azienda costituito dalla rete di telecomunicazioni  presente in Emilia-Romagna, i diritti e le autorizzazioni connessi, nonché i contratti attivi e passivi afferenti il ramo di azienda. L’accordo si inserisce nell’ambito delle precedenti pattuizioni fra IRETI (già Iren Emilia) e BT Italia / BT Enia che attribuivano già a BT Enia, controllata da BT Italia, i diritti di esclusiva di lunga durata per l’utilizzo della Rete TLC.

La rete TLC è caratterizzata da una infrastruttura in fibra ottica estesa circa 1.519 Km, costituita da cavi ottici prevalentemente a 144, 96, e 48 fibre oltre a 20 Point of Presence (POP).
Contestualmente è stato stipulato uno specifico contratto che prevede la concessione a Ireti del diritto d’uso, per un periodo di 30 anni rinnovabile di altri 10, del 25% della capacità complessiva della rete TLC ceduta e la concessione a BT Enìa del diritto d’uso per un periodo di 30 anni rinnovabile di altri 10 del 25% dello spazio fisico esistente all’interno di tutti i cavidotti di servizio della rete di teleriscaldamento di proprietà di IREN Energia nella Regione Emilia Romagna.

Infine è stato sottoscritto fra BT Italia e IRETI un atto modificativo e integrativo del vigente patto parasociale relativo a BT Enìa, che prevede la modifica del termine durante il quale è possibile esercitare le opzioni di acquisto e di vendita, nonché dei termini e delle condizioni di esercizio delle suddette opzioni.

Il valore complessivo dell’operazione prevede un incasso da parte di IRETI, già al netto del canone per il diritto d’uso della rete, di 3,9 milioni cui si aggiunge una valorizzazione della partecipazione del 12,01% in BT Enia detenuta da IRETI pari ad un valore minimo di 6,8 milioni soggetto a rivalutazione fino al periodo di esercizio, previsto nel 2020.

“L’operazione – si legge in ua nota di Iren –  una razionalizzazione del portafoglio delle attività nel settore delle TLC inbsieme  una valorizzazione delle infrastrutture al servizio del teleriscaldamento cittadino, conservando contestualmente l’accesso alla rete TLC per le necessità ed i fabbisogni del Gruppo Iren e degli Enti pubblici di riferimento”.
“L’operazione costituisce un importante passo in avanti nell’attuazione delle linee guida delineate nel piano industriale”– ha commentato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo– attraverso la razionalizzazione di attività non strategiche e mantenendo inalterata la capacità del Gruppo Iren di erogare servizi a valore aggiunto sul territorio a favore di enti pubblici e degli utenti”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *