“Il direttore Scalzulli era terrorizzato, e riceveva pressioni da Bologna e da Roma”.
Al via l’indagine sul Catasto di Reggio, ascoltato Enrico Bini

11/3/2016Potito Scalzulli, ex direttore del Catasto di Reggio Emilia, aveva paura. Era letteralmente terrorizzato.  E subiva pressioni da Bologna e da Roma. E’ la sostanza di quanto trapelato sulla testimonianza del sindaco di Castelnovo Monti ed ex presidente della Camera di commercio Enrico Bini, ascoltato ieri mattina in Procura della Repubblica.

Enrico Bini

Enrico Bini

E’ la conferma che l’inchiesta su misteri e miracoli del Catasto di Reggio Emilia è cominciata sul serio, non senza un certo imbarazzo: la Procura reggiana aveva archiviato per non luogo a procedere ben sette esposti dell’ex direttore Potito Scalzulli, e invece ha dovuto riaprire il fascicolo. E’ stato proprio Enrico Bini, con i suoi perentori inviti ad andare a vedere cos’è successo al Catasto (“La chiave per capire cos’è accaduto in questi anni a Reggio Emilia”), ad aver offerto l’occasione ai magistrati per rispoverare i fascicoli forse troppo frettolosamente archiviati.

A quanto si sa le indagini potrebbero concentrarsi sulle riduzioni di valore sino al 50% di cui avrebbe beneficiato un manipolo di costruttori calabresi privilegiati, probabilmente con i buoni uffici di consulenti e professionisti reggiani. Ma le indagini potrebbero anche tentare una ricostruzioni di determinati passaggi di proprietà di aree che da agricole sono diventate edificabili: una vera miniera d’oro.

Be Sociable, Share!

4 risposte a “Il direttore Scalzulli era terrorizzato, e riceveva pressioni da Bologna e da Roma”.
Al via l’indagine sul Catasto di Reggio, ascoltato Enrico Bini

  1. david Rispondi

    11/03/2016 alle 20:35

    Guarderei anche alle concessioni per le trivellazioni.

  2. Umberto Rispondi

    11/03/2016 alle 22:29

    AH SÌ? LA PROCURA AVEVA ARCHIVIATO PER BEN 7 VOLTE ?

  3. er monnezza Rispondi

    11/03/2016 alle 22:51

    foto di repertorio please… qs argomenti senza foto mai plz…

  4. Claudio Rispondi

    12/03/2016 alle 08:43

    La scoperta dell’acqua calda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *