Facebook ha rimosso le minacce contro Benedetta Salsi , ma rifiuta ancora di oscurare la pagina dei Musulmani d’Italia

31/3/2016 – E’ un mezzo passo indietro, ma non basta. Ieri sera Facebook, attraverso il suo legale londinese, ha comunicato alla Procura di Reggio Emilia di aver rimosso dalla pagina fb dei Musulmani d’Italia-Comunità  (dopo ben 35 giorni) il post contenente offese e minacce nei confronti della giornalista del Carlino Reggio Benedetta Salsi. Lo scrive oggi il Resto del Carlino. La  rimozione è avvenuta dopo che in mattinata il procuratore capo di Reggio Emilia Giorgio Grandinetti aveva chiamato l’ambasciata Usa a Roma, sottoponendo il caso e sollecitando una risposta ufficiale. “Abbiamo provveduto a rendere inaccessibili i contenuti identificati come illegali dalle autorità competenti”, ha dichiarato un portavoce di Facebook.

La risposta tuttavia non è quella attesa: il quartier generale di Zuckerberg continua a rifiutarsi di oscurare la pagina dei Musulmani d’Italia-Comunità, come disposto da un’ordinanza emessa l’8 marzo scorso dal Gip di Reggio Emilia Angela Baraldi e “rigettata” dai vertici del social  dopo ben quattro richiami da parte del giudice. Una violazione della legge italiana che non ha precedenti da parte di Facebook, alla luce soprattutto del contesto della vicenda e del rischio a cui è esposta la giornalista reggiana. Per questo la Procura, che ha il sostegno anche dei ministri dell’Interno e della Giustizia, continuerà nella sua azione.

“Quella del social network è un’iniziativa che non realizza una vera esecuzione del decreto del Gip – ha dichiarato Grandinetti al Carlino – Per questo noi continueremo nella nostra azione, nella speranza di ottenere tutto”.

Ma lo Stato italiano, come ha sostenuto Stefano d’Ambruoso, avrebbe la possibilità di attuare con la forza l’ordinanza del giudice di Reggio. Perchè non si procede di conseguenza? Forse sarà tutto chiaro quando Facebook spiegherà in modo compiuto la sua posizione, senza limitarsi a un secco, sprezzante “rejected”.

Be Sociable, Share!

10 risposte a Facebook ha rimosso le minacce contro Benedetta Salsi , ma rifiuta ancora di oscurare la pagina dei Musulmani d’Italia

  1. Giorgio Rispondi

    31/03/2016 alle 19:05

    Visto? C.V.D.
    Esiste la policy all’interno di facebook ma viene gestita a “piacimento”, ma chi decide cosa sia pericoloso, razzista, inneggiante all’odio, alla discriminazione religiosa eccetera?
    E’ un fatto soggettivo a quanto pare, e di sicuro è molto più pericoloso per la salute pubblica vedere il dipinto di un nudo che pagine inneggianti alla guerra santa, forse fb non capisce l’arabo ma su quella pagina si sono trovate robe come questa sotto e direi che ci sarebbe da allarmarsi e non poco.

    cit da muslmani d’italia, fra i commenti, ed è solo un assaggio.

    ————————————————–“I versetti ci dimostrano chiaramente che ora si sentono forti perche’ ignorano il loro destino, ma che quando verra’ loro presentato il Castigo (prima di finirci dentro) IMPLORERANNO PERDONO AD ALLAH sperando di POTER TORNARE IN VITA SOLO PER RIMEDIARE AGLI ERRORI COMMESSI. Ed addirittura sconfesseranno i loro seguaci (gli altri deviati della redazione facendo finta di non averli nemmeno mai conosciuti)
    Ma sara’ troppo tardi e il Castigo dovranno subirselo al 100%

    IN CONCLUSIONE:
    PRETENDONO DI COMBATTERE PER LA DEMOCRAZIA.
    MA A QUANDO PARE LA DEMOCRAZIA E IL DIRITTO DI PAROLA VALE SOLO PER CHI VOGLIONO LORO…
    ABBASSO ALLA DEMOCRAZIA!!”

    Capito?

    • ..gli affari sono affari.. Rispondi

      01/04/2016 alle 09:32

      Caro Giorgio,

      difficilissimo rassegnarsi a questa indigesta ‘trippa senza speranza’.. ma temo che le leggi del mercato, specie quello americano ed europeo.. passino sopra al voler denunciare queste oscenità, quotando, comprando e incrementando sempre più l’azionariato e l’imprenditoria di tutta l’area islamica.
      La Trippa ci seppellirà.
      Questo bisogna raccontare e denunciare.
      Oltre ovviamente a quello che tu ormai da anni evidenzi e descrivi davvero – per quel che é nella sua oscenità – questo Islam.

      Non era forse meglio Antonio La Trippa ?
      🙂
      G.

    • Fausto Poli Taneto Rispondi

      01/04/2016 alle 13:56

      Credo sia questione di tempo e la rimozione avverra’ quanto prima.

      • ..gli affari sono affari.. Rispondi

        02/04/2016 alle 10:41

        Scusi Signor Poli, ma cosa intende esattamente?
        Può essere più chiaro ?
        Grazie

        • Fausto Poli Taneto Rispondi

          02/04/2016 alle 14:00

          Parlavo della questione della giornalista Benedetta Salsi, che finalmente ha avuto giustizia.

          • ..gli affari sono affari..

            03/04/2016 alle 09:34

            Non credo proprio, mi scusi.
            La questione è ben più complessa, nonché largamente dibattuta qui.
            Lei inoltre pensa che Benedetta possa dormire sonni tranquilli ? Non credo proprio…

  2. Giorgio Cassinadri Rispondi

    01/04/2016 alle 17:58

    Si diceva altrove del senso critico, il quale dovrebbe stare alla base di ogni sana, eticamente parlando, decisione.
    Notoriamente gli affari, “time is money”, “be the winner”, “avoid losers” è un’etica derivate direttamente dal protestantesimo, misconosciuto sotto questo aspetto, cede molta della sua dignità sotto il peso di queste ciniche asserzioni, e come in questo caso si può notare, in cambio di un piatto di lenticchie.
    I tempi che avanzano non sono solo tragici, mi verrebbe “tragicomici”.
    Da un canto l’occidente, facebook qui, realizza affari con una parte del globo ingolfato di oli minerali, casualmente formatisi sotto le chiappe di immeritevoli beduini, dall’altro si genuflette ai nuovi moralizzatori dell’occidente “malsano” e “corrotto”, ai proponenti di un mondo migliore, cioè i beduini di cui sopra, in cui la donna (che non sarà mai giornalista) non solo sarà protetta da sguardi indiscreti, ma addirittura verrà salvaguardata dal rischio di manifestare idee sue, notoriamente fattispecie irrealizzabile, come nel caso della giornalista minacciata. Ma come ha potuto permettersi si direbbe…
    La voglia di ingrossare ulteriormente la montagna di dollari già prodotta con la realizzazione di un’idea rivoluzionaria come è stata appunto Facebook acceca le menti, della proprietà, degli azionisti, dei censori, di tutti quelli coinvolti nella produzione di ricchezza.
    Ricchezza materiale, sì perché di quella parliamo; se dovessimo invece fermarci un momento a pensare che la vera ricchezza che possiede e che dovrebbe preservare l’occidente è quella culturale, maturata in millenni e costellata di invenzioni, evoluzione del pensiero, appare svuotata da questo rincorrere l’oro “ad ogni costo”.
    Si manifesta cioè in tutta la sua evidenza come un suicidio.
    Nel mentre che il grasso e moralmente flaccido occidente resta prono ai piedi del totem luccicante, la frenesia demografica dei propugnatori della sottomissione e della conquista della terra degli infedeli si attua attraverso la pratica certa e indiscutibile del “tu donna dovrai partorire almeno 5 figli”, “tu uomo prendi la donna quando vuoi ed ara il tuo campo” eccetera eccetera.
    Il flaccido, in piena decadenza intellettuale e morale, sta oliando senza esserne troppo richiesto, la parte intima “dove non batte il sole”.
    Non vuole contrastare, chiudendoli ad esempio, siti internet inneggianti all’odio per non irritare i nuovi arrivi, che col loro carico di oro e delizie faranno di questo occidente un sol pasto non appena il fatidico 50+1 avrà tracimato il vaso della democrazia.

    Democrazia che loro, notare, stanno usando, odiandola e credendo fermanente che sia una stupidaggine da sostituire con la teocrazia, evento che, vista la nostra conclamata ignavia, avverrà quanto prima.
    Visti i contorni di questa vicenda, visto il pavido, ma interessato, comportamento del social network, siamo sicuri che siano loro a sbagliare e non noi che stiamo offrendo la giugulare in cambio di, appunto, un piatto di lenticchie?

    E’ questo il valore finale della nostra civiltà?

    • ..gli affari sono affari.. Rispondi

      02/04/2016 alle 10:53

      Drammaticamente obiettivo, sinteticamente ineccepibile Giorgio. 🙂

      ‘Credevo fosse umano.. ma invece è peggio di una lenticchia’.

      Conclusione : più che del “paradiso” artificioso/artificiale/artificiere..
      in cui tra le altre cose ci si ritroverebbe in compagnia di questa marmaglia di coglioni integrali integralisti, viene voglia di evadere su un ‘altro pianeta,
      meno IDIOTA di questo.

      Quello era l’Altrove a cui alludevo anni fa :))

  3. giorgio Rispondi

    02/04/2016 alle 15:25

    Grazie business & business, sempre gentile, l’altrove era un omaggio personale.
    Concordo sulle definizioni, specie “marmaglia” che è comunque ancora un complimento.
    Ad Majora

    • ..gli affari sono affari.. Rispondi

      03/04/2016 alle 09:44

      In questo caso..
      caro Giorgio,
      mi riferivo alla marmaglia leopardiana, ovvero : ‘la marmaglia più codarda che si possa immaginare’.
      Oppure se più ti aggrada e facendo riferimento alla Treccani, riferisciti al peggiorativo marmagliàccia.
      😀

Rispondi a Fausto Poli Taneto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *