Alla vigilia di Reggiana-SudTirol il Presidente Stefano Compagni incita i suoi:”Io credo ancora ai play off”.

11/03/2016 – (Carlo Codazzi) – Alla vigilia di Reggiana-SudTirol il Presidente granata Stefano Compagni ha lanciato segnali di speranza riguardo la possibilità, da parte della sua squadra, di agganciare in extremis i play off. Il n. 1 della Reggiana, insomma, ci crede ancora a patto di infilare una serie di vittorie consecutive a partire già dal match con la compagine dell’Alto Adige. Compagni ha anche ribadito la sua fiducia in mister Alberto Colombo e chiuso definitivamente la vicenda Vavassori.

Stefano Compagni al centro tra Sisto Fontanili e il fratello Giuliano.

Stefano Compagni al centro tra Sisto Fontanili e il fratello Giuliano.

Presidente, dopo il ko di Cremona, personalmente, crede ancora nei play off ?

“Sicuramente. Siamo coscienti di poter fare bene ancora. C’è un mini campionato da giocare adesso e dovremo ragionare gara per gara per giocarcela nel migliore dei modi. Questo non è solo il mio pensiero, ma è anche quello dei giocatori e del mister. In ogni caso, dobbiamo onorare il campionato fino alla fine”.

A suo parere, cosa non ha funzionato quest’anno nella squadra che ha avuto un andamento altalenante?

“La squadra ha una struttura importante e ha fatto vedere in alcune partite di poter essere all’altezza delle migliori formazioni del girone. Occorreva quel qualcosa in più, quella “molla” che serve per  fare il salto di qualità che fino ad oggi ci è mancato. Purtroppo, in qualche gara abbiamo avuto sfortuna e abbiamo subito qualche episodio sfavorevole, ma in generale è mancata la continuità. La Lega Pro è un campionato dove è fondamentale riuscire a  fare un “filotto” di partite positive per poter prendere fiducia. Noi adesso dobbiamo pensare a giocare gara per gara, ma ci servono 2-3 vittorie consecutive per lanciarci nello sprint finale”.

Quale è il suo giudizio riguardo l’operato di Colombo? Resterà indipendentemente dai risultati?

“In società abbiamo fatto una scelta ben precisa al riguardo e Alberto resterà alla Reggiana anche il prossimo anno. In questa stagione si sono verificate delle situazioni negative che possono avere inciso sul suo operato, ma in generale sono contento del nostro mister”.

Come vede il futuro della Reggiana “targata” Compagni? State cercando un partner che possa affiancarvi dopo il dietrofront di Vavassori?

“Certo che cerchiamo un partner e questo sicuramente non è una novità. Ci stiamo guardando intorno e valuteremo con attenzione le persone interessate a collaborare per fare il bene della Reggiana. Stiamo già da ora organizzando la prossima stagione. Siamo partiti in anticipo rispetto al campionato scorso e stiamo lavorando seriamente. Comunque, un partner importante lo accoglieremmo a braccia aperte”.

Quali sono state, se ce le può riferire, le vere ragioni che hanno indotto Vavassori  a fare un passo indietro riguardo il suo ingresso nella Reggiana?

“Questo dovete chiederlo a lui. Con Vavassori abbiamo condiviso un percorso insieme, poi non se l’è più sentita di entrare per motivi suoi che, immagino, siano validi. Si tratta di una situazione che abbiamo definito da tempo senza screzi e in modo soft, ma ci dispiace che si sia conclusa così. Non so perché la vicenda sia finita in questo modo perché all’inizio con Vavassori abbiamo condiviso tutto. Ripeto, non c’è stato alcun screzio e a livello personale il rapporto prosegue. Per quanto riguarda la Reggiana, invece, la vicenda Vavassori è un capitolo chiuso”.

Si è letto di contrasti interni tra giocatori e il tecnico, tra il mister e Ferrara. Non le chiedo un commento riguardo a questo, ma pensa che queste “chiacchiere” abbiano pesato sul rendimento della squadra?

“Certamente. La serenità in una squadra è fondamentale. Ci è mancata in alcuni momenti, ma credo che ora sia tornata. Vedo lo spogliatoio sereno nonostante la sconfitta di sabato scorso in cui c’è stata una buona prestazione da parte nostra. Io non voglio mollare niente fino alla fine del campionato che per noi è diventato, come ho già detto, un mini torneo in cui ci sono tanti scontri diretti che possono rilanciarci. Chiudere bene la stagione dipende solo da noi”.

Ci dà il suo pronostico per Reggiana-SudTirol?

“Il SudTirol è una squadra ben organizzata che sa giocare al calcio. Si vedrà senz’altro una bella organizzazione di gioco da parte degli altotesini. Il SudTirol è una formazione importante che ha fatto, sinora, un buon campionato e che adesso ha gli stessi nostri punti, ma noi dobbiamo assolutamente portare a casa la vittoria”.

Fischio d’inizio di Reggiana-SudTirol, valida per la 26^ giornata del girone A di lega Pro, alle 20.30 di domani al “Città del Tricolore”. I botteghini dello stadio apriranno alle 17.30.

Colombo dovrà forzatamente rinunciare allo squalificato Sabotic, mentre sulla fascia sinistra di centrocampo recupera Mignanelli il cui rientro potrebbe comportare lo spostamento in attacco di Siega a fianco di Arma. Sul fronte offensivo il mister ha ampia scelta con la disponibilità di Nolè e Letizia. Nei 3 centrali di difesa c’è il problema di sostituire Sabotic e in lizza ci sono Rampi e Panizzi. Out per infortunio alcuni giocatori granata: Frascatore, Bartolomei, De Biasi e Loi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *