Verso la Notte della Trasparenza
I 5 stelle all’assalto di Delrio: “Con lui la cementificazione di Reggio è aumentata. Le cifre”

12/2/2016 – In vista della , in programma domani sera- sabato –in piazza Casotti a Reggio Emilia, i 5 Stelle insistono sulla convocazione dei sindaci Vecchi, Delrio (oggi ministro) e Antonella Spaggiari da parte della Commissione antimafia. A puntare il dito sulla bolla edilizia di Reggio (la provincia del Nord che negli anni 2000 si è mangiata più territorio di ogni altre, in relazione alla popolazione e alla dimensioni) sono i parlamentari M5S  Michele Dell’Orco, membro M5S Camera in Commissione lavori pubblici e Maria Edera Spadoni, parlamentare reggiana M5S. Entrambi saranno presenti alla Notte della Trasparenza, insieme ad altri parlamentari di prima fila dei 5 Stelle.  “L’incremento della cementificazione nell’era Delrio è continuato nel solco dell’era Spaggiari ed ha favorito l’infiltrazione delle mafie nell’economia locale – affermano – Durante i dieci anni di governo Delrio nella città di Reggio Emilia è stata cementificata sempre di  più con interventi diretti, quelli più a rischio infiltrazioni mafiose. Un trucco delle tre carte con gravissime responsabilità politiche quello di Delrio che millanta di aver rallentato la cementificazione. Sono cresciuti gli interventi diretti, in gran parte gestiti da imprese di origine non locale e sottoposti a meno controlli, mentre sono solo rallentati i piani particolareggiati, gestiti dalle grandi cooperative con subappalti a ditte anche non locali, con un incremento di utilizzo del suolo tra il 2004  ed il 2014  pari a quasi 904.162 metri quadrati in più” .

Per quanto riguarda i piani particolareggiati  di Reggio Emilia d”al 2005 al 2014 si è passati da 576.000 metri quadrati di terreni cementificati ai 1.480.212 del 2014, più 904.162 metri  quadrati” spiegano gli esponenti M5S. Gli interventi diretti invece tra il 2004 ed il 2014 hanno riguardato un totale di ben 1.228.774 metri quadrati

“Per questo – aggiungono Dell’Oro e Spadoni – è fondamentale ascoltare tutti i sindaci ed ex sindaci di Reggio Emilia, Delrio, Vecchi, Spaggiari e la dirigente all’urbanistica dell’era Delrio Maria Sergio (e far piena luce su 20 anni di appalti, piani particolareggiati, subappalti e lavori diretti.  A Reggio Emilia negli ultimi 20 anni non hanno governato i marziani ma un  partito ben preciso”.

Secca la replica del ministro reggiano: “”Una richiesta molto bizzarra, forse si cerca di far dimenticare il caso Quarto inventando cose che non esistono”. Così la risposta di Delrio alla richiesta di convocazione davanti alla Commissione antimafia – sulla vicenda della casa di Masone, la lettera di Brescia, gli appalti e la cementificazione di Reggio –  avanzata dai pentastellati. “La lotta alla ‘ndrangheta e alla mafia a  Reggio Emilia ha sempre visto le amministrazioni locali in prima linea, da subito e da sempre:  facevamo educazione alla legalità nelle scuole quando ancora nemmeno si sentiva ancora girare la voce di Grillo”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *