Sicurezza, nuove telecamere intelligenti tra la Val d’Enza e la Bassa
Nessuno sfuggirà al Grande Fratello interconnesso

Si è tenuta oggi in Prefettura una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica alla quale hanno partecipato, oltre ai responsabili operativi delle Forze di Polizia, i presidenti dell’ Unione Val d’Enza (sindaco di Montecchio Paolo Colli), dell’Unione della Bassa Reggiana (presidente della Provincia e sindaco di Poviglio Giammaria Manghi),  nonché il sindaco di Correggio Ilania Malavasi.

La riunione fa seguito ad altra tenutasi il 12 novembre 2015, nella quale si concordò di attivare l’interconnessione tra i sistemi di videosorveglianza già operativi nei tre rispettivi ambiti territoriali.

Nel periodo intercorso da novembre ad oggi è stato messo a punto dai Comuni interessati, d’intesa con le Forze di Polizia, un disciplinare per l’utilizzo condiviso dei dati. In particolare, nei tre ambiti territoriali sono stati implementati i sistemi di videosorveglianza con l’installazione di telecamere “intelligenti ”in grado non solo di registrare le immagini dei luoghi, ma anche il flusso veicolare dinamico con la rilevazione delle targhe e dei dati riguardanti i singoli veicoli in transito.

Il valore aggiunto della specifica iniziativa è rappresentato dalla possibilità di connettere tra di loro i tre sistemi e porre i dati a disposizione delle Forze di Polizia per un miglior controllo coordinato del territorio, specie nei varchi tra i tre ambiti territoriali.

Inoltre due telecamere saranno posizionate presso il casello autostradale Terre di Canossa al fine di monitorare il flusso veicolare in uscita di auto che si dirigono verso la Val d’Enza o verso la Bassa Reggiana.

In definitiva, in virtù di questa nuova interconnessione, tutte le immagini sensibili potranno essere visionate in tempo reale dalle centrali della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza per un miglior controllo del territorio e per ogni altra attività di interesse.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *