Manda in rovina agricoltore di Casina per levargli il malocchio : “mago” indiano arrestato dai Carabinieri mentre intasca 5 mila euro

9/2/2016 – Gli aveva fatto credere di essere la vittima di un rito da magia nera, una maledizione che avrebbe portato delle grosse sventure a lui e alla sua famiglia, ma soprattutto al figlio.

Preoccupato del malocchio e considerato che il sedicente mago, suo ex dipendente, gli confidava di essere esperto nel togliere i malefici che si ripercuotono sulle persone, aveva deciso di affidarsi a lui per “essere curato”. Da quel momento la vita di un uomo di 52 anni di Casina e della sua famiglia, non è stata più la stessa, a causa della terrore inculcato dalle parole dello stregone, un cittadino indiano di 43anni, con conseguente stress per tutti.

Il malcapitato, ormai in stato di soggezione psicologica, non sapeva più cosa fare per recuperare la tranquillità, così nel luglio 2014 versava 1.300 euro all’indiano, praticamente un Do Nascimento in sedicesimo,  per essere liberto dal sortilegio attraverso certi  braccialetti “magici”,  ritenuti potentissimi.

E’ stato solo l’inizio per ilpoveretto di Casina che nei mesi successivi ha continuato a versare soldi, soldi e ancora soldi sia a quando, arrivato a pagare ben 25 mila euro, non è stato costretto a chiudere la sua azienda agricola per far fronte ai pagamenti.

Una storia da Medioevo profondo (ma, come ha dimostrato il caso Vanna Marchi, molto più diffuse di quanto non si creda) a cui i Carabinieri di Casina questa mattina hanno messo fine con l’arresto dell’indiano.

La vittima, che aveva presentato denuncia da tempo, ha avvisato i militari che il “mago” si era rifatto vivo pretendendo 5.000 euro per il pagamento dei riti da lui stesso compoiuti in India. I due avevano convenuto di incontrarsi questa mattina in un bar di Casina, ma all’appuntamento c’erano anche i Carabinieri del paese e del Nucleo Operativo di Castelnovo Monti i quali, aver fotocopiato le banconote che la vittima doveva consegnare al trufatore, si sono appostati in attesa della consegna del denaro. quando intorno alle 9,30 l’indiano ha ricevuto la busta con i 5 mila euro, i carabinieri lo hanno fermato e alla luce della flagranza di reato lo hanno dichiarato in stato d’arresto per il reato di estorsione. Il 43enne cittadino indiano al termine delle formalità di rito veniva ristretto a disposizione della Procura reggiana titolare dell’inchiesta.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *