Incassa i soldi, ma il formaggio non c’è Ditta toscana bidonata da truffatore reggiano: conto corrente sotto sequestro

13/2/2016 – La Squadra Mobile,nei giorni scorsi, ha fatto luce su una serie di rapporti commerciali sospetti effettuati da un personaggio reggiano, noto nel giro e  già sottoposto a indagine per il reato di truffa.

 Una ditta toscana lo aveva incaricato di concludere, quale intermediario, una acquisto di formaggio. Valutata la merce l’acquirente effettuava un bonifico, sul conto dell’uomo, e attendeva la consegna del formaggio che, però, non avveniva. La ditta venditrice, infatti, non aveva dato alcun mandato all’uomo di concludere la vendita e, soprattutto, non aveva ricevuto alcun pagamento per la merce prenotata tanto che stava valutando se denunciare per truffa  proprio la società toscana.

Gli accertamenti della Squadra Mobile di Reggio Emilia hanno permesso di ricostruire la vicenda e, anche, di individuare e bloccare il residuo attivo sul conto corrente dell’uomo di 17.000 euro. Solo una parte tuttavia del denaro pagato dall’acquirente: appena ricevuto il pagamento ha cominciato a spazzolare i soldi sino a quando la Polizia non ha bloccato il conto. .

Il Gip di Reggio Emilia, su richiesta della Procura della Repubblica, ha disposto il sequestro preventivo del conto corrente dell’indagato al fine di evitare che il provento della truffa potesse essere disperso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *