Gli eccessi dell’animal hoarning: in una casa di Bologna 52 bestiole tra gli escrementi

20/2/2016 – Escrementi ovunque, aria irrespirabile. Sono le condizioni in cui venivano tenuti 52 animali trovati dalle guardie zoofile dell’Oipa – Organizzazione Internazionale Protezione Animali – a San Giovanni in Persiceto, nel Bolognese, nella casa di una donna di 62 anni, denunciata alla Procura.

Oltre 50 animali in condizioni degradate, interviene Oipa
Tra l’abitazione, il piccolo box auto adiacente, e un casottino in legno di tre metri quadrati e alcune gabbie, erano rinchiusi due cani, 15 gatti, nove conigli, sei cavie, due furetti, dieci volatili (pappagalli, calopsite e bengalini), cinque gerbilli e tre tartarughe. Le guardie hanno chiesto il supporto del servizio veterinario dell’Azienda Usl che ha confermato la gravità della situazione. La donna è stata segnalata alla Procura ed è scattato il sequestro probatorio.
Secondo l’Oipa si tratta di un caso di ‘animal hoarding’, fenomeno che coinvolge donne tra i 45 ed i 65 anni, che cominciano a prendere animali ovunque per difenderli e
salvarli “senza rendersi conto che in realtà, molte volte, li condannano”.

(font ansa.it)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *