Gabbiano di Checov in scena al teatro Ariosto

22/2/2016 – Il Gabbiano,  grande classico di Anton Checov, martedì 23 e mercoledì 24 (ore 20,30) nel rinnovato teatro Ariosto di Reggio Emilia. Adattamento e regia di Carmelo Rifici per una produzione LuganoInScena. Fausto Russo Alesi nel ruolo diBoris Alekseevič  Trigorin

Con Gabbiano, in scena per la Stagione di Prosa martedì 23 e mercoledì 24 febbraio, ore 20.30, al Teatro Ariosto, Anton Čechov ci consegna una storia di sogni, di autoinganni, di vite fatte di scrittura, teatro e letteratura,di ordinarie vite immaginarie.

Una scena dal Gabbiano, Ph. Masiar Pasquali

Una scena dal Gabbiano, Ph. Masiar Pasquali

Un giovane teatrante pieno di dubbi sulla necessità del fare teatro oggi, un famoso scrittore che si interroga sulla necessità o meno di scrivere, una giovane ambiziosa che sogna il successo, una donna di successo che non sogna, un’umanità che desidera essere personaggio, personaggi che si specchiano in un lago che mostra la loro misera umanità, in un dramma di atti mancati, di gesti abbozzati, di destini incrociati, di passioni elementari e insostenibili. Un grande classico diretto da Carmelo Rifici, con Fausto Russo Alesi nel ruolo di  Boris Alekseevič Trigorin

“Perché scegliere di fare Gabbiano? – scrive nelle note di regia Rifici – E’ la domanda che continuo a farmi, alla quale non ho risposta. Almeno non una. Intanto è un Classico e questo mi permette di lavorare sulla memoria di un testo che ho sempre amato, su cui ho sempre lavorato, sul quale ho fatto centinaia di ipotesi, che ogni volta cambiano e si contraddicono. In secondo luogo mi viene da dire che Gabbiano parla di cose che tutti sanno: di rapporti familiari, di conflitti e di delusioni, senza averne consapevolezza. Entrare in un mondo familiare e vedere che ogni volta ti mostra qualcosa che non avevi notato dà la curiosa sensazione di visitare un universo conosciuto e, al tempo stesso, misterioso: “Čechov è talmente semplice che fa paura”, diceva Gor’kij. Gabbiano è veramente un testo misterioso: ci mostra un’umanità, una famiglia che non riesce mai ad essere sincera e che, per riuscire a convivere, deve continuamente mentire e immaginarsi di essere qualcosa che non è”.

Teatro Ariosto

Martedì 23, mercoledì 24 febbraio 2016, ore 20.30

 GABBIANO

di Anton Cechov  adattamento e regia Carmelo Rifici scene Margherita Palli costumi Margherita Baldoni scenografie, oggetti di scena e costumi realizzati dai laboratori del Piccolo Teatro musiche Zeno Gabaglio luci Jean-Luc Chanonat

produzione LuganoInScena

in collaborazione con LAC Lugano Arte e Cultura, Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa e Teatro Sociale di Bellinzona
Con il sostegno di Pro Helvetia, Fondazione svizzera per la cultura

 Il’ja Afanas’evič Samraev  Antonio Ballerio  Evgenij Sergeevič Dorn Giovanni Crippa Petr Nikolaevič Sorin  Ruggero Dondi  Jakov  Zeno GabaglioMaša Mariangela Granelli Semën Semënovič Medvedenko Igor Horvat  Konstantin Gavrilovič  Treplev  Emiliano Masala Paolina Andreevna  Maria Pilar Pérez Aspa Fausto Russo AlesiIrina Nikolaevna Arkadina  Giorgia Senesi  Nina Michailovna Zarečnaja  Anahì Traversi

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *