Furto senza precedenti all’ospedale di Guastalla: spariti da Endoscopia apparecchi per 400 mila euro

23/2/2016 – Un intero reparto in ginocchio e danni per almeno 400 mila euro. E’ il bilancio di un furto colossale avvenuto nella notte tra sabato e domenica all’ospedale di Guastalla.  Completamente saccheggiato il reparto di endoscopia Digestiva, che è stato ripassato in modo minuzioso in opgni stanza da una banda di specialisti: sono spariti una decina di apparecchi per le gastroscopie, le colonscopie (essenziali per scoprire i tumori all’intestino) e altri esami endoscopici oltre a tutti gli strumenti ausiliari. Attrezzature in buona parte donate dai cittadini e dalle associazioni di volontariato.

I ladri sarebbero entrati da una porta sul retro di radiologia e per fuggire hanno forzato le porte d’emergenza sempre sul retro: sembra che sabato sera subito dopo la mezzanotte qualcuno abbia chiesto l’intervento di un addetto alla vigilanza e di un manutentore per riparare la serratura manomessa di una porta, che era aperta. La riparazione è avvenuta subito, ma nessuno si sarebbe accorto del furto, tranto che il raid è stato scoperto solo lunedì mattina all’apertura del reparto. Levisite sono state annullate o trasferite a Correggio,in attesa di ripristinare il reparto con il trasferimento di attrezzature da altri ospedali del reggiano.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e, per i rilievi, specialisti del Ris di Parma. Non sono disponibili immagini perchè il reparto non ha telecamere di videosorveglianza. Si ritiene che he le attrezzature rubate siano già partite in pacchi anonimi  verso qualche paese dell’Est per essere rivendute a qualche clinica.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *